Gli ebrei dell’antica Roma. L’archeologo Fausto Zevi ne racconta la storia

OGGI pomeriggio alle 18 il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah (via Piangipane 81) ospita la conferenza di Fausto Zevi, archeologo e storico dell’arte, sul tema ‘Gli ebrei nell’antica Roma’. L’appuntamento rientra nel ciclo Gallery Talk, alla scoperta del percorso espositivo del Meis, e prende spunto proprio dalla mostra Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni che, attraverso oltre duecento oggetti (alcuni dei quali rari e preziosi) provenienti dai musei di tutto il mondo, video di esperti, ricostruzioni e apparati multimediali, comunica in modo originale l’unicità della storia dell’ebraismo italiano, descrivendo come la presenza ebraica si sia formata e sviluppata nella Penisola dall’età romana (II sec. a.e.v.) al Medioevo (X sec. d.e.v.) e come gli ebrei d’Italia abbiano costruito la propria peculiare identità, anche rispetto ad altri luoghi della diaspora.

PER il Museo Ebraico di Roma, partecipa la studiosa Elsa Laurenzi, esperta in materia di catacombe ebraiche, e intervengono il direttore Olga Melasecchi e l’assessore alle Attività museali della Comunità Ebraica di Roma, architetto Gianni Ascarelli. Fausto Zevi, archeologo e storico dell’arte italiano, è stato allievo di Ranuccio Bianchi Bandinelli. Dopo aver insegnato all’Università di Napoli ‘Federico II’ è stato professore di Archeologia e storia dell’arte arte greco-romana all’Università di Roma ‘La Sapienza’. In passato è stato sovrintendente a Ostia, Napoli e Roma. Profondo conoscitore della Roma arcaica, sull’ellenismo romano e sui problemi topografici e urbanistici di Pompei, Ostia, e Roma, ha al suo attivo in materia oltre 250 pubblicazioni. È membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei, dell’Istituto archeologico germanico e membro onorario della British School di Roma. L’ingresso all’appuntamento è gratuito.

Altri contenuti

Storie di donne dai ghetti di Roma e Venezia

Storie di donne dai ghetti di Roma e Venezia

Giovedì 16 dicembre alle 18.00 al bookshop del MEIS si terrà l’evento “Sara e Pacifica. Donne (stra) ordinarie dai ghetti di Venezia e di Roma”. Al centro dell’incontro la storia parallela di due donne ebree che nel ‘600, pur confinate tra le mura del ghetto, riuscirono ad emanciparsi e lasciare il segno.  Sara Copio Sullam è animatrice a Venezia di […]
24 novembre – Presentazione del Progetto Talmud

24 novembre – Presentazione del Progetto Talmud

Mercoledì 24 novembre alle 17.00 al Bookshop del MEIS si terrà l’evento “Umanesimo e tecnologia in favore del dialogo interculturale” promosso dal Progetto di Traduzione del Talmud Babilonese e con il patrocinio del Comune di Ferrara.  Durante l’incontro sarà presentato l’ultimo avanzamento che il Progetto di Traduzione italiana del Talmud Babilonese sta compiendo sia in campo tecnologico che linguistico, la Yeshivah digitale: […]
Al via la mostra “Oltre il Ghetto. Dentro&Fuori”

Al via la mostra “Oltre il Ghetto. Dentro&Fuori”

Si apre venerdì 29 ottobre 2021 al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara il terzo importante capitolo che il MEIS ha concepito per dare vita al suo percorso: l’esposizione Oltre il ghetto. Dentro&Fuori. La mostra – curata da Andreina Contessa, Simonetta Della Seta, Carlotta Ferrara degli Uberti e Sharon Reichel e allestita […]
UNITI CONTRO L’ANTISEMITISMO

UNITI CONTRO L’ANTISEMITISMO

Il 5 ottobre 2021 la Commissione europea ha presentato un documento strategico per combattere l’antisemitismo nei prossimi 9 anni. Ad aprirlo, una citazione del rabbino Jonathan Sacks, recentemente scomparso: “L’odio che inizia con gli ebrei non finisce mai con gli ebrei. Commettiamo un grande errore se pensiamo che l’antisemitismo sia una minaccia solo per gli […]
È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]