Gli ebrei dell’antica Roma. L’archeologo Fausto Zevi ne racconta la storia

OGGI pomeriggio alle 18 il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah (via Piangipane 81) ospita la conferenza di Fausto Zevi, archeologo e storico dell’arte, sul tema ‘Gli ebrei nell’antica Roma’. L’appuntamento rientra nel ciclo Gallery Talk, alla scoperta del percorso espositivo del Meis, e prende spunto proprio dalla mostra Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni che, attraverso oltre duecento oggetti (alcuni dei quali rari e preziosi) provenienti dai musei di tutto il mondo, video di esperti, ricostruzioni e apparati multimediali, comunica in modo originale l’unicità della storia dell’ebraismo italiano, descrivendo come la presenza ebraica si sia formata e sviluppata nella Penisola dall’età romana (II sec. a.e.v.) al Medioevo (X sec. d.e.v.) e come gli ebrei d’Italia abbiano costruito la propria peculiare identità, anche rispetto ad altri luoghi della diaspora.

PER il Museo Ebraico di Roma, partecipa la studiosa Elsa Laurenzi, esperta in materia di catacombe ebraiche, e intervengono il direttore Olga Melasecchi e l’assessore alle Attività museali della Comunità Ebraica di Roma, architetto Gianni Ascarelli. Fausto Zevi, archeologo e storico dell’arte italiano, è stato allievo di Ranuccio Bianchi Bandinelli. Dopo aver insegnato all’Università di Napoli ‘Federico II’ è stato professore di Archeologia e storia dell’arte arte greco-romana all’Università di Roma ‘La Sapienza’. In passato è stato sovrintendente a Ostia, Napoli e Roma. Profondo conoscitore della Roma arcaica, sull’ellenismo romano e sui problemi topografici e urbanistici di Pompei, Ostia, e Roma, ha al suo attivo in materia oltre 250 pubblicazioni. È membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei, dell’Istituto archeologico germanico e membro onorario della British School di Roma. L’ingresso all’appuntamento è gratuito.

Altri contenuti

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]
Post doc dello Yad Vashem

Post doc dello Yad Vashem

L’International Institute for Holocaust Research dello Yad Vashem ha aperto le candidature per la domanda di post-dottorato in Holocaust research. La fellowship ha una durata tra i due e i quattro mesi. I ricercatori possono scegliere di impegnarsi sia nel semestre autunnale che in quello primaverile.Tutti i candidati devono avere un Ph.D. o un J.D. […]