Collettivo Cinetico e Sharon Fridman al Meis: molto forte, incredibilmente vicino

di Federica Pezzoli

Molto forte, incredibilmente vicino. È il titolo di un romanzo del celeberrimo autore Jonatan Safran Foer, ma potrebbe benissimo essere preso a prestito per la performance site-specific creata dall’israeliano Sharon Friedman per il ferrarese CollettivO CineticO, “Everything that will be is already there”, andata in scena sabato sera per un centinaio di spettatori suddivisi su cinque repliche. La programmazione coreutica del Teatro Comunale Claudio Abbado è, infatti, uscita dalla sua sede tradizionale e, con la sua compagnia residente CollettivO CineticO, si è trasferita per una sera nelle sale del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-Meis in via Piangipane.

Il gruppo ferrarese è reduce da un nuovo riconoscimento internazionale per il suo “Sylphidarium – Maria Taglioni on the ground”: ha partecipato al 58 ° Festival Internazionale del Teatro MESS di Sarajevo, il festival di arti performative più antico dell’Europa sud-orientale, punto di riferimento per le produzioni più innovative, e ha vinto il premio “Golden Laurel Wreath” come migliore spettacolo. In settimana, inoltre, ha debuttato a Reggio Emilia con il nuovo lavoro “Dialogo Primo: Impatiens noli tangere”, frutto della collaborazione con il coreografo israeliano Sharon Fridman, che Francesca Pennini ha conosciuto nel 2009 e con il quale la tribù cinetica ha deciso di intraprendere il primo di tre dialoghi che la porteranno a mettersi alla prova e ad aprirsi ad altri stili e approcci all’arte performativa. “Everything that will be is already there” è stato appunto un piccolo assaggio per pochi spettatori, mentre la coreografia verrà presentata il prossimo 3 novembre sul palcoscenico del Teatro Comunale Claudio Abbado.

Molto forte, incredibilmente vicino. Tanta è stata la prossimità creatasi fra performers e spettatori nelle sale del Meis: inconsueta la condizione di trovarli fra le persone che attendono l’inizio dell’evento; rara la possibilità di arrivare quasi a sfiorarne la danza, di guardare il performer negli occhi, di ascoltare il suo respiro, il suo sospiro. Un’esperienza e un esperimento toccante e interessante, soprattutto tenendo conto della ricerca che da sempre il CollettivO porta avanti sul rapporto, non solo visivo, fra pubblico e danzatori, sulla condivisione dello spazio-tempo e sulla reciproca influenza dei corpi e dei soggetti durante questa condivisione.

Aggiungete la ricerca di Fridman sull’improvvisazione, sull’umanità nel suo contesto sociale e biologico, la sua qualità estremamente fisica e insieme emozionale e poetica ed ecco “Everything that will be is already there”. Simone Arganini, Carmine Parise, Angelo Pedroni, Francesca Pennini e Giulio Santolini si muovono di un moto perpetuo, che mette a nudo i corpi; corpi alla costante ricerca di un equilibrio, per quanto precario, in un continuo fluire. Corpi sospesi, che poi sembrano galleggiare in un qualche liquido primordiale, fino a formare una catena, un cerchio, senza inizio né fine, che si muovono insieme come un unico essere, un unico respiro, un unico battito. Infine, la caduta.

Un altro romanzo di Safran Foer si intitola “Eccomi”: la risposta di Abramo alla chiamata di Dio.

Angelo Pedroni, in piedi di fronte agli spettatori li guarda negli occhi, tutti e ciascuno, e sembra dire “Eccomi”. Questa volta però non è una risposta: è una domanda, è l’essere umano che interroga il proprio simile e lo spinge a ritrovarsi nell’altro da sé.

Altri contenuti

Rosh HaShanah 5783

Rosh HaShanah 5783

La sera di domenica 25 settembre inizierà Rosh HaShanah, il Capodanno ebraico, durante il quale si festeggerà l’ingresso nell’anno 5783. Il Capodanno cade il 1° del mese ebraico di Tishrì e apre un intenso periodo di festività che vogliamo celebrare con un’immagine fortemente simbolica: la ricostruzione della pavimentazione del IV secolo della sinagoga di Bova Marina a San Pasquale (Reggio Calabria), […]
Seminario “Opere da ritrovare”. I beni culturali sottratti agli ebrei in Italia: un primo bilancio

Seminario “Opere da ritrovare”. I beni culturali sottratti agli ebrei in Italia: un primo bilancio

16 settembre 2022, ore 9.30, Biblioteca Nazionale Centrale, Sala Macchia A seguito della promulgazione delle leggi razziali, nel periodo tra il 1938 e il 1945, vennero sottratti alle comunità ebraiche presenti nelle diverse città italiane e a singoli cittadini ebrei un numero imprecisato di beni culturali: opere d’arte, ma anche libri, documenti, mobilio, argenteria, oggetti […]
6 settembre, gita musicale sulla Nena

6 settembre, gita musicale sulla Nena

Martedì 6 settembre dalle 18.00 è prevista una gita gratuita sulla Nena, il battello fluviale, con l’accompagnamento musicale curato da PAOLO BUCONI & FLAVIO PISCOPO. Paolo Buconi è un etnomusicologo e violinista. La sua caratteristica fondamentale è unire il canto della voce a quella del violino. Ha sempre affiancato alla musica classica la sua passione per le musiche dei popoli, prima […]
6 settembre, evento per il Centenario del Liceo Roiti

6 settembre, evento per il Centenario del Liceo Roiti

Martedì 6 settembre alle 16.30, il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS (via Piangipane, 81) ospita un evento dedicato alla memoria di Yoseph Colombo, rabbino, filosofo e preside del Liceo “A. Roiti” di Ferrara fino al 1938, anno in cui – a causa della promulgazione delle Leggi razziali – dovrà lasciare l’incarico.  L’incontro, aperto […]
Anteprima ferrarese di Piazza

Anteprima ferrarese di Piazza

Chi sono gli ebrei di Roma? Cosa è la Piazza? Come è cambiata la vita nel quartiere dell’ex ghetto dopo la retata nazista del 16 ottobre 1943? L’ARENAMEIS si chiude mercoledì 31 agosto alle 21.00 con “Piazza”, il documentario prodotto da Nanni Moretti e girato dalla talentuosa regista Karen Di Porto, già firma del film “Maria per Roma”. Di Porto tratteggia un ritratto dolceamaro […]