“Meis, un futuro ricco di sfide”

“Rav Spagnoletto raccoglie un’eredità importante, quella di Simonetta Della Seta, che assieme al Consiglio e al comitato scientifico ha svolto un lavoro di grande valore”. È quanto sottolinea il presidente del Meis Dario Disegni a Pagine Ebraiche.
“L’avvicendamento – afferma Disegni – avviene in un momento particolarmente delicato in cui la vita di tutti, e quindi anche dei musei, è stata stravolta. Anche noi stiamo ridefinendo le nostre modalità di intervento, con la speranza di poter al più presto concludere i lavori relativi alla costruzione degli spazi museali mancanti. Un grande piano di investimenti che permetterà al Meis non solo di avere un percorso permanente di spessore, ma anche altri spazi per poter immaginare mostre temporanee”.
Lo scorso aprile sarebbe dovuto essere il mese dell’inaugurazione della terza grande mostra, “Dentro e Fuori”, per parlare di ghetti ed emancipazione sulla linea del percorso tracciato dalle curatrici Simonetta Della Seta, Sharon Reichel, Andreina Contessa e Carlotta Ferrara degli Uberti. Una mostra all’insegna della resilienza ebraica, alla cui inaugurazione sarebbe dovuto intervenire il presidente del Parlamento europeo David Sassoli con una prolusione sul rapporto tra ebrei ed Europa. L’inaugurazione è però soltanto posticipata: si svolgerà infatti nel 2021.
Durante il lockdown il Museo non è però rimasto con le mani in mano. “Il Meis si è attrezzato e ha fatto cose interessanti anche durante la quarantena. Ad esempio – spiega Disegni – con la digitalizzazione della mostra ‘Ferrara Ebraica’ oggi fruibile sul sito. Ma anche con la partecipazione all’iniziativa di valorizzazione sul web e social dei nostri tesori, che ha visto coinvolti tutti i musei ebraici italiani. Uno degli impegni assunti in questo periodo è stata la ridefinizione complessiva del sito. Un qualcosa che resterà oltre l’emergenza. Nella nostra cultura, come in quella di tutti i musei italiani. Un fronte sul quale ci sarà quindi molto da lavorare, così come nell’implementazione della biblioteca”.
Due le principali sfide che Disegni vede all’orizzonte. La prima è la necessità di dover sopperire alla debolezza di non avere una propria grande collezione. Importante in questo senso il lavoro che si sta svolgendo assieme al Ministero con in vista, anticipa il presidente del Meis, “la possibile concessione, con prestiti di lungo termine, di beni ebraici di proprietà di altri musei statali”. Testimonianze spesso poco valorizzate che nel Meis troverebbero la giusta sede.
Seconda sfida, la sostenibilità economica per una progettualità di alto livello. Il Ministero in questi anni ha progressivamente aumentato il contributo erogato al Meis. Un fatto significativo, osserva Disegni. Ma si è al lavoro per allargare ulteriormente la rete, anche grazie ad associazioni e sponsor internazionali. “Siamo consapevoli che si sta aprendo uno scenario non semplice da un punto di vista economico. Ma si tratta – conclude – di un obiettivo irrinunciabile”.

Altri contenuti

Rosh HaShanah 5783

Rosh HaShanah 5783

La sera di domenica 25 settembre inizierà Rosh HaShanah, il Capodanno ebraico, durante il quale si festeggerà l’ingresso nell’anno 5783. Il Capodanno cade il 1° del mese ebraico di Tishrì e apre un intenso periodo di festività che vogliamo celebrare con un’immagine fortemente simbolica: la ricostruzione della pavimentazione del IV secolo della sinagoga di Bova Marina a San Pasquale (Reggio Calabria), […]
Seminario “Opere da ritrovare”. I beni culturali sottratti agli ebrei in Italia: un primo bilancio

Seminario “Opere da ritrovare”. I beni culturali sottratti agli ebrei in Italia: un primo bilancio

16 settembre 2022, ore 9.30, Biblioteca Nazionale Centrale, Sala Macchia A seguito della promulgazione delle leggi razziali, nel periodo tra il 1938 e il 1945, vennero sottratti alle comunità ebraiche presenti nelle diverse città italiane e a singoli cittadini ebrei un numero imprecisato di beni culturali: opere d’arte, ma anche libri, documenti, mobilio, argenteria, oggetti […]
6 settembre, gita musicale sulla Nena

6 settembre, gita musicale sulla Nena

Martedì 6 settembre dalle 18.00 è prevista una gita gratuita sulla Nena, il battello fluviale, con l’accompagnamento musicale curato da PAOLO BUCONI & FLAVIO PISCOPO. Paolo Buconi è un etnomusicologo e violinista. La sua caratteristica fondamentale è unire il canto della voce a quella del violino. Ha sempre affiancato alla musica classica la sua passione per le musiche dei popoli, prima […]
6 settembre, evento per il Centenario del Liceo Roiti

6 settembre, evento per il Centenario del Liceo Roiti

Martedì 6 settembre alle 16.30, il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS (via Piangipane, 81) ospita un evento dedicato alla memoria di Yoseph Colombo, rabbino, filosofo e preside del Liceo “A. Roiti” di Ferrara fino al 1938, anno in cui – a causa della promulgazione delle Leggi razziali – dovrà lasciare l’incarico.  L’incontro, aperto […]
Anteprima ferrarese di Piazza

Anteprima ferrarese di Piazza

Chi sono gli ebrei di Roma? Cosa è la Piazza? Come è cambiata la vita nel quartiere dell’ex ghetto dopo la retata nazista del 16 ottobre 1943? L’ARENAMEIS si chiude mercoledì 31 agosto alle 21.00 con “Piazza”, il documentario prodotto da Nanni Moretti e girato dalla talentuosa regista Karen Di Porto, già firma del film “Maria per Roma”. Di Porto tratteggia un ritratto dolceamaro […]