“Meis, un futuro ricco di sfide”

“Rav Spagnoletto raccoglie un’eredità importante, quella di Simonetta Della Seta, che assieme al Consiglio e al comitato scientifico ha svolto un lavoro di grande valore”. È quanto sottolinea il presidente del Meis Dario Disegni a Pagine Ebraiche.
“L’avvicendamento – afferma Disegni – avviene in un momento particolarmente delicato in cui la vita di tutti, e quindi anche dei musei, è stata stravolta. Anche noi stiamo ridefinendo le nostre modalità di intervento, con la speranza di poter al più presto concludere i lavori relativi alla costruzione degli spazi museali mancanti. Un grande piano di investimenti che permetterà al Meis non solo di avere un percorso permanente di spessore, ma anche altri spazi per poter immaginare mostre temporanee”.
Lo scorso aprile sarebbe dovuto essere il mese dell’inaugurazione della terza grande mostra, “Dentro e Fuori”, per parlare di ghetti ed emancipazione sulla linea del percorso tracciato dalle curatrici Simonetta Della Seta, Sharon Reichel, Andreina Contessa e Carlotta Ferrara degli Uberti. Una mostra all’insegna della resilienza ebraica, alla cui inaugurazione sarebbe dovuto intervenire il presidente del Parlamento europeo David Sassoli con una prolusione sul rapporto tra ebrei ed Europa. L’inaugurazione è però soltanto posticipata: si svolgerà infatti nel 2021.
Durante il lockdown il Museo non è però rimasto con le mani in mano. “Il Meis si è attrezzato e ha fatto cose interessanti anche durante la quarantena. Ad esempio – spiega Disegni – con la digitalizzazione della mostra ‘Ferrara Ebraica’ oggi fruibile sul sito. Ma anche con la partecipazione all’iniziativa di valorizzazione sul web e social dei nostri tesori, che ha visto coinvolti tutti i musei ebraici italiani. Uno degli impegni assunti in questo periodo è stata la ridefinizione complessiva del sito. Un qualcosa che resterà oltre l’emergenza. Nella nostra cultura, come in quella di tutti i musei italiani. Un fronte sul quale ci sarà quindi molto da lavorare, così come nell’implementazione della biblioteca”.
Due le principali sfide che Disegni vede all’orizzonte. La prima è la necessità di dover sopperire alla debolezza di non avere una propria grande collezione. Importante in questo senso il lavoro che si sta svolgendo assieme al Ministero con in vista, anticipa il presidente del Meis, “la possibile concessione, con prestiti di lungo termine, di beni ebraici di proprietà di altri musei statali”. Testimonianze spesso poco valorizzate che nel Meis troverebbero la giusta sede.
Seconda sfida, la sostenibilità economica per una progettualità di alto livello. Il Ministero in questi anni ha progressivamente aumentato il contributo erogato al Meis. Un fatto significativo, osserva Disegni. Ma si è al lavoro per allargare ulteriormente la rete, anche grazie ad associazioni e sponsor internazionali. “Siamo consapevoli che si sta aprendo uno scenario non semplice da un punto di vista economico. Ma si tratta – conclude – di un obiettivo irrinunciabile”.

Altri contenuti

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]
Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Quali libri leggere durante le vacanze estive? Tania Bertozzi, responsabile della biblioteca del MEIS (Cooperativa Le Pagine), ha pensato a qualche suggerimento che saprà soddisfare i lettori di ogni genere: da un giallo perfetto sotto l’ombrellone ad una storia d’amore che ci farà sognare, piangere e palpitare.  Raccontateci le vostre letture estive sui nostri social […]
Nuove modalità di accesso al museo

Nuove modalità di accesso al museo

In ottemperanza alle disposizioni del D.L. 23/07/2021, n. 105, previste per tutti i luoghi di cultura italiani, dal 6 agosto 2021 per poter accedere al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah sarà obbligatorio esibire il Green Pass unitamente ad un documento di identità valido. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti sulla base di idonea […]
Tornano le visite guidate

Tornano le visite guidate

Scopri la mostra “Mazal Tov!” Riprendono le visite guidate a partenza fissa al MEIS. Protagonista, la nuova mostra “Mazal Tov! Il matrimonio ebraico” curata da Sharon Reichel e Amedeo Spagnoletto e allestita dall’Architetto Giulia Gallerani. Le visite sono previste ogni sabato e domenica alle 11.30 al costo di 5 euro oltre al prezzo del biglietto. La […]
The Mortara case

The Mortara case

MARTEDÌ 22 GIUGNO – ore 19:00