Uno splendido autunno

Una città a misura d’uomo, con un impianto urbanistico di impronta rinascimentale tuttora ben conservato. Un luogo ricco di capolavori architettonici, con uno stile di vita all’insegna della lentezza e dell’ecosostenibilità. Un territorio che offre “la bellezza narcotica di una pianura totale, compresa tra i rami di un fiume, affacciata sul mare, priva di ondulazioni”, per usare le parole dello scrittore e giornalista Guido Piovene (Viaggio in Italia). Ferrara, culla del Rinascimento italiano, la città di Ludovico Ariosto, Giorgio Bassani, Michelangelo Antonioni, e il Delta del Po, una delle zone umide più importanti d’Europa, costituiscono uno straordinario unicum che l’Unesco riconosce come Patrimonio mondiale dell’Umanità.

L’autunno è la stagione perfetta per visitare questo territorio. Ferrara è anche città delle biciclette: le due ruote sono il mezzo ideale per avventurarsi lungo corso Ercole I d’Este (“ampio, diritto come una spada”, come lo definì lo scrittore Giorgio Bassani), splendido esempio di prospettiva rinascimentale. Si ammirano l’imponenza del Castello Estense e la bellezza rinascimentale del Palazzo dei Diamanti, con la celebre facciata a bugnato in marmo. Sede espositiva, fino al 6 gennaio 2019 ospita la bellissima mostra Courbet e la natura, che presenta una cinquantina di tele, tra cui molti capolavori dell’artista francese, il più significativo esponente del movimento realista, come Buongiorno signor Courbet, l’autoritratto L’uomo ferito o le celebri Fanciulle sulle rive della Senna, provenienti dai più importanti musei del mondo (palazzodiamanti.it).

Ferrara è legata indissolubilmente alla memoria e alla cultura ebraica. Uno dei suoi cittadini più illustri, Giorgio Bassani, autore del capolavoro Il giardino dei Finzi Contini, è sepolto nel cimitero ebraico; all’ombra della cattedrale si dipana il ghetto, dove la comunità ebraica fu segregata dal 1627 all’Unità d’Italia; dal 2011 la città ospita il MEIS (Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah), in un ex carcere adiacente all’antica cinta muraria rinascimentale. Qui, dal 30 ottobre, sarà allestito Il giardino che non c’è dello scultore israeliano Dani Karavan, con opere site specific, modellini e videoinstallazioni ispirate al romanzo di Bassani (meis.museum).

In bicicletta ci si spinge poi verso il suggestivo paesaggio del Delta del Po. L’omonimo parco sorge al confine orientale della Pianura Padana ed è un habitat unico, dove vivono e si riproducono oltre 300 specie di uccelli, fra cui il fenicottero rosa e l’airone bianco. Fra gli ambienti che hanno rilevanza maggiore c’è la riserva naturale del Gran Bosco della Mesola: 1.058 ettari, di cui 220 di riserva integrale. Oltre a daini, tassi, picchi e volpi, sopravvivono le tartarughe nere acquatiche. La peculiarità della riserva sono i cervi delle dune, una specie autoctona e protetta.

Un autentico gioiello, a pochi chilometri dal Parco, è l’abbazia benedettina di Pomposa. Splendido esempio di architettura romanica e importantissimo centro culturale e spirituale fin dal Medioevo, ha un prezioso pavimento intarsiato di marmi e affreschi trecenteschi di scuola bolognese. Pomposa, soprattutto, è celebre perché, intorno al Mille, il monaco Guido d’Arezzo inventò la scrittura musicale, con le note e il pentagramma.

Comacchio, con le case colorate che si specchiano sui canali, è la piccola Venezia dell’Emilia Romagna. Simbolo della città lagunare è il secentesco Trepponti, edificato su cinque arcate all’incrocio fra tre canali e decorato da torrette. Meritano una visita l’ottocentesco Palazzo Bellini e il Museo Delta Antico (via Agatopisto 2). Inaugurato nel 2017, illustra l’evoluzione del territorio e degli insediamenti umani che hanno caratterizzato la storia dell’antico delta del Po. Custodisce anche il carico di una nave di età augustea, uno dei più ricchi e completi mai ritrovati in Italia. A Comacchio un appuntamento gastronomico di rilievo è la Sagra dell’anguilla, alla 20ª edizione. Nei primi tre fine settimana d’autunno, dal 28 settembre al 14 ottobre, si gusta il tradizionale pesce nello stand allestito vicino all’argine Fattibello e si partecipa a escursioni a piedi, in bici e in barca (sagradellanguilla.it). Un’occasione unica per scoprire l’incanto e la magia di questo territorio.

Informazioni: visitferrara.eu, visitcomacchio.it

Altri contenuti

Rosh HaShanah 5783

Rosh HaShanah 5783

La sera di domenica 25 settembre inizierà Rosh HaShanah, il Capodanno ebraico, durante il quale si festeggerà l’ingresso nell’anno 5783. Il Capodanno cade il 1° del mese ebraico di Tishrì e apre un intenso periodo di festività che vogliamo celebrare con un’immagine fortemente simbolica: la ricostruzione della pavimentazione del IV secolo della sinagoga di Bova Marina a San Pasquale (Reggio Calabria), […]
Seminario “Opere da ritrovare”. I beni culturali sottratti agli ebrei in Italia: un primo bilancio

Seminario “Opere da ritrovare”. I beni culturali sottratti agli ebrei in Italia: un primo bilancio

16 settembre 2022, ore 9.30, Biblioteca Nazionale Centrale, Sala Macchia A seguito della promulgazione delle leggi razziali, nel periodo tra il 1938 e il 1945, vennero sottratti alle comunità ebraiche presenti nelle diverse città italiane e a singoli cittadini ebrei un numero imprecisato di beni culturali: opere d’arte, ma anche libri, documenti, mobilio, argenteria, oggetti […]
6 settembre, gita musicale sulla Nena

6 settembre, gita musicale sulla Nena

Martedì 6 settembre dalle 18.00 è prevista una gita gratuita sulla Nena, il battello fluviale, con l’accompagnamento musicale curato da PAOLO BUCONI & FLAVIO PISCOPO. Paolo Buconi è un etnomusicologo e violinista. La sua caratteristica fondamentale è unire il canto della voce a quella del violino. Ha sempre affiancato alla musica classica la sua passione per le musiche dei popoli, prima […]
6 settembre, evento per il Centenario del Liceo Roiti

6 settembre, evento per il Centenario del Liceo Roiti

Martedì 6 settembre alle 16.30, il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS (via Piangipane, 81) ospita un evento dedicato alla memoria di Yoseph Colombo, rabbino, filosofo e preside del Liceo “A. Roiti” di Ferrara fino al 1938, anno in cui – a causa della promulgazione delle Leggi razziali – dovrà lasciare l’incarico.  L’incontro, aperto […]
Anteprima ferrarese di Piazza

Anteprima ferrarese di Piazza

Chi sono gli ebrei di Roma? Cosa è la Piazza? Come è cambiata la vita nel quartiere dell’ex ghetto dopo la retata nazista del 16 ottobre 1943? L’ARENAMEIS si chiude mercoledì 31 agosto alle 21.00 con “Piazza”, il documentario prodotto da Nanni Moretti e girato dalla talentuosa regista Karen Di Porto, già firma del film “Maria per Roma”. Di Porto tratteggia un ritratto dolceamaro […]