Un tapis roulant e 16 danzatori: Naharin al Comunale

«L’ARTE può insegnare la virtù di una nuova soluzione e il vantaggio di rinunciare a idee preconcette. La danza, in particolare, insegna che connotazioni nazionali, religiose, geografiche ed etniche non hanno importanza». Affronta con queste parole Ohad Naharin, coreografo israeliano autore di Last Work, il ruolo della danza nel comprendere l’altro da sé. Questa sera, infatti, alle 18, la Batsheva Dance Company arriva al Teatro Comunale con uno degli spettacoli più attesi della stagione di danza. Per approfondire il lavoro della compagnia, questa mattina alle 11 al Meis di via Piangipane 81, Roberto Casarotto (Centro per la Scena Contemporanea di Bassano del Grappa e Operaestate Festival Veneto) terrà un incontro sulla danza nella cultura ebraica, con introduzione di Simonetta Della Seta, direttrice del Meis (ingresso libero).

La compagnia, ai massimi livelli del panorama mondiale e guidata da Naharin dal 1990 al 2018 (con una sola, breve interruzione nella stagione 2003-2004), presenterà a Ferrara in prima nazionale e in esclusiva per l’Italia Last Work, che indaga attraverso la danza quale potrebbe essere il ruolo della danza per permettere una migliore comprensione delle istanze e delle culture altrui. Sul fondo della scena, un tapis roulant, mentre sedici danzatori, immersi in un’atmosfera onirica, si muovono in una danza astratta, lentissima, quasi trattenuta nella parte iniziale, per poi rivelarsi via via carica di una energia dirompente. Strettamente connessa alla tecnica ‘gaga’, ideata dallo stesso Naharin per esplorare le potenzialità del corpo su più dimensioni, la pièce porta in scena un ricco ventaglio di movimenti. L’inventiva del suo vocabolario coreografico rendono Ohad Naharin uno dei coreografi più richiesti al mondo, mentre la Batsheva Dance Company è considerata una delle più importanti compagnie di danza contemporanea, con 34 danzatori provenienti non solo da Israele.

Altri contenuti

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]
Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Quali libri leggere durante le vacanze estive? Tania Bertozzi, responsabile della biblioteca del MEIS (Cooperativa Le Pagine), ha pensato a qualche suggerimento che saprà soddisfare i lettori di ogni genere: da un giallo perfetto sotto l’ombrellone ad una storia d’amore che ci farà sognare, piangere e palpitare.  Raccontateci le vostre letture estive sui nostri social […]
Nuove modalità di accesso al museo

Nuove modalità di accesso al museo

In ottemperanza alle disposizioni del D.L. 23/07/2021, n. 105, previste per tutti i luoghi di cultura italiani, dal 6 agosto 2021 per poter accedere al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah sarà obbligatorio esibire il Green Pass unitamente ad un documento di identità valido. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti sulla base di idonea […]
Tornano le visite guidate

Tornano le visite guidate

Scopri la mostra “Mazal Tov!” Riprendono le visite guidate a partenza fissa al MEIS. Protagonista, la nuova mostra “Mazal Tov! Il matrimonio ebraico” curata da Sharon Reichel e Amedeo Spagnoletto e allestita dall’Architetto Giulia Gallerani. Le visite sono previste ogni sabato e domenica alle 11.30 al costo di 5 euro oltre al prezzo del biglietto. La […]
The Mortara case

The Mortara case

MARTEDÌ 22 GIUGNO – ore 19:00