Turismo, sfida alla Romagna

di VITTORIA TOMASI

SLOW tourism, città d’arte, enogastronomia e mare. Sono questi gli assi messi sul tavolo dai comuni di Comacchio, Ferrara, Goro, Mesola e Codigoro, per la prima volta uniti per un progetto di promozione del territorio, in risposta alla nuova sfida della Destinazione Turistica. «Si tratta di un cambiamento significativo – ha detto Riccardo Pattuelli, assessore al marketing turistico di Comacchio – e la provincia ha risposto con un progetto ambizioso per la promozione di un territorio vasto. Siamo di fronte a un turismo che cambia e che ha bisogno di un’offerta sempre più integrata». Arriva quindi il progetto Vacanze Cultura – Natura di durata triennale che vede un investimento di 335mila euro. All’offerta del mare e del Parco del Delta, si aggiunge anche l’offerta di una città patrimonio Unesco come Ferrara. «È tanto che si parla di sinergie, ma credo che questo sia l’anno di svolta, grazie a una forte volontà politica – dice Massimo Maisto, assessore al turismo di Ferrara –. Possiamo presentare questo territorio nella sua interezza e Ferrara cercherà di valorizzare anche i suoi aspetti naturalistici, come il cicloturismo, oltre al Meis che, insieme al Museo Delta Antico, rappresenta uno dei musei più belli d’Italia aperti negli ultimi anni». Importante anche la scelta del nuovo brand Ferrara Feelings, che richiama quello di Comacchio per sottolineare l’unione. Insieme ai comuni di Comacchio e Ferrara, anche Goro, Codigoro e Mesola con la loro offerta naturalistica e culturale: «Il futuro ci vede smpre più uniti anziché divisi – commenta Diego Viviani, sindaco di Goro – e unendo pubblico e privato si può vincere questa sfida». Importante anche il supporto dei privati che hanno contribuito per il 20% in chiave economica. «Come destinazione turistica, siamo insieme a colossi romagnoli, e questo ci deve portare a migliorare sempre di più – dice Matteo Ludergnani, presidente di Visit Ferrara – siamo strutture medio-piccole, quindi per competere con le diverse offerte del mercato dobbiamo farlo in gruppo». Il progetto prevede un’importante campagna di comunicazione. «Stiamo mettendo insieme tanti tasselli» afferma il direttore Emanuele Burioni. «Bisogna spingere l’acceleratore sull’internazionalizzazione – conclude l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini –. Operiamo in un mercato difficile e complicato e l’esaltazione dell’unicità del territorio dev’essere il primo elemento di valorizzazione».

Altri contenuti

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]
Post doc dello Yad Vashem

Post doc dello Yad Vashem

L’International Institute for Holocaust Research dello Yad Vashem ha aperto le candidature per la domanda di post-dottorato in Holocaust research. La fellowship ha una durata tra i due e i quattro mesi. I ricercatori possono scegliere di impegnarsi sia nel semestre autunnale che in quello primaverile.Tutti i candidati devono avere un Ph.D. o un J.D. […]