SIAMO TUTTI PRIGIONIERI DEL LIBRO

Voi siete italiani, e per voi prima viene il territorio, che vi definisce: l’Italia. Poi c’è la cultura. Quindi la lingua. E tanti altri elementi che si basano sul territorio. Mentre per gli ebrei, nella nostra identità il punto di partenza è la Torah, il libro della tradizione religiosa ebraica. Una differenza, direi, fondamentale». Abraham Yehoshua sta per arrivare in Italia. Sarà presente a Repubblica delle Idee a Bologna il 9 giugno. E il giorno dopo a Ferrara parteciperà alla prima Festa del Libro Ebraico, al Museo nazionale dell’ebraismo italiano e della Shoah per tenere una lectio magistralis su “Il libro ebraico”. «Parlerò dell’importanza che il libro ebraico ha avuto nel corso dei secoli, ma anche dei suoi risvolti negativi…».

Partiamo allora dal primo concetto.

«Il popolo ebraico è nato con il libro. Nel deserto, mentre era in cerca, fra la diaspora e la terra dove si sarebbe stabilito. Che non a caso ha finito per chiamare “terra santa”. Ecco perché la nostra carta d’identità viene dal libro, e non dal territorio. Per voi invece è diverso, come ho detto».

E l’altro lato della medaglia?

«Il libro ebraico, la letteratura, se vuole, al tempo stesso è stato un grande difetto. Perché noi a volte dobbiamo lasciare il libro, e andare incontro alla realtà e al confronto. Dunque il libro per noi è stato anche una barriera».

Ma da autore eminentemente laico, lei non riscontra oggi un’attenzione forte, da parte di molti intellettuali internazionali laici, verso le tematiche religiose?

«Ho notato questa tendenza a livello globale. E mi sembra che strumenti come i social, Internet e Facebook abbiano contribuito a sviluppare molto questo percorso».

Da che cosa dipende?

«La gente oggi vuole avere sempre più una relazione con il mistero, il sacro, il non conosciuto».

Un interesse marcato pure in scrittori che non possiamo certo definire puramente dediti a questioni religiose, come Emmanuel Carrère, registi come
Paolo Sorrentino e Wim Wenders.

«Non c’è dubbio che ci sia una tendenza di ritorno alla religione. Nel cinema, nella letteratura, nell’arte. Per quanto riguarda gli ebrei la religione è molto importante, proprio perché collegata all’identità. Non trovo sia lo stesso, però, per i cattolici o i musulmani».

Quali altre differenze nota?

«A volte questa tendenza rischia di diventare estrema. In Israele gli ultraortodossi non c’erano quaranta anni fa se non nella forma di setta. Adesso su di loro vengono fatte persino delle serie in tv. Ma qui non si parla di sentimento religioso, ma di qualcos’altro».

Per il mondo musulmano?

«Anche i musulmani hanno una grande tensione verso la sfera religiosa. Ma per il mondo arabo oggi il vero problema è la modernità. Nel Medioevo la cultura, l’arte, l’architettura arabe erano all’avanguardia. Ma negli ultimi quattrocento anni hanno mostrato di avere difficoltà nel gestire cose come modernità e democrazia».

E per i cristiani, infine?

«Sono sempre stati di larghe vedute sulla cultura. E non c’è dubbio che quella cattolica sia stata la religione più tollerante verso l’arte, la cultura, la pittura. Quando vengo in Italia mi infilo subito in una chiesa per ammirare i suoi tesori».

Da laico lei oggi si è spostato a vivere a Tel Aviv, la città più turistica e frenetica di Israele. Perché?

«Per decenni ho abitato a Haifa. Mi sono trasferito perché a Tel Aviv abitano i miei figli, e i nipoti, e mi dedico anche a loro. È quello che ho deciso di fare dopo la morte di mia moglie, due anni fa».

A che cosa sta lavorando adesso?

«Posso annunciarle l’uscita della mia nuova opera. Un romanzo che si intitola Il tunnel».

Il plot, in poche battute?

«È la storia di un ingegnere che costruisce strade. Ormai in pensione. E si accorge che la demenza senile comincia a turbarlo».

Quando uscirà?

«Fra circa un mese, in Israele. In Italia prima di Natale».


Ospite a Bologna e Ferrara

Abraham Yehoshua (Gerusalemme, 1936), scrittore e drammaturgo israeliano, sabato 9 giugno sarà a RepIdee di Bologna e domenica 10 alla prima Festa del Libro Ebraico di Ferrara, con il direttore del Museo dell’ebraismo Simonetta Della Seta. Tra i suoi libri, L’amante e Cinque stagioni (Einaudi).

Altri contenuti

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]
Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Quali libri leggere durante le vacanze estive? Tania Bertozzi, responsabile della biblioteca del MEIS (Cooperativa Le Pagine), ha pensato a qualche suggerimento che saprà soddisfare i lettori di ogni genere: da un giallo perfetto sotto l’ombrellone ad una storia d’amore che ci farà sognare, piangere e palpitare.  Raccontateci le vostre letture estive sui nostri social […]
Nuove modalità di accesso al museo

Nuove modalità di accesso al museo

In ottemperanza alle disposizioni del D.L. 23/07/2021, n. 105, previste per tutti i luoghi di cultura italiani, dal 6 agosto 2021 per poter accedere al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah sarà obbligatorio esibire il Green Pass unitamente ad un documento di identità valido. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti sulla base di idonea […]
Tornano le visite guidate

Tornano le visite guidate

Scopri la mostra “Mazal Tov!” Riprendono le visite guidate a partenza fissa al MEIS. Protagonista, la nuova mostra “Mazal Tov! Il matrimonio ebraico” curata da Sharon Reichel e Amedeo Spagnoletto e allestita dall’Architetto Giulia Gallerani. Le visite sono previste ogni sabato e domenica alle 11.30 al costo di 5 euro oltre al prezzo del biglietto. La […]
The Mortara case

The Mortara case

MARTEDÌ 22 GIUGNO – ore 19:00