Quattro poli museali. Maisto: a lavori finiti un milione di visite

I fondi del Cipe per ristrutturare palazzo Prosperi Sacrati hanno allargato la possibilità nei prossimi anni di ospitare mostre e attività espositive. Il vicesindaco e assessore alla cultura Massimo Maisto, una volta finiti i vari lavori di ristrutturazione che interessano buona parte dei contenitori ferraresi, punta a raddoppiare il numero dei visitatori nei musei ferraresi passando da quota 500mila al milione di ingressi. Un progetto ambizioso che si sta realizzando trasformando i vari contenitori espositivi della città. Maisto divide i musei in quattro grandi poli.

«Un ruolo centrale – attacca Maisto – lo avrà il Castello Estense, primo polo museale con l’aggiunta del Museo della Cattedrale per la vicinanza. Dopo il no allo spostamento delle Pinacoteca, stiamo ipotizzando un utilizzo alternativo al piano superiore, un misto tra uffici e servizi e spazi di esposizione a disposizione della Pinacoteca anche per mantenere i sette milioni di euro di finanziamento».

Il secondo polo museale è quello del quadrivio con Diamanti, Massari e Palazzina Cavalieri di Malta al quale va aggiunto Palazzo Prosperi Sacrati grazie al recente finanziamento di 5 milioni dal Cipe.

«La novità – dichiara Maisto – è che faremo un biglietto cumulativo che consenta con uno sconto di entrare sia in Pinacoteca che alla mostra allestita a Palazzo Diamanti. L’obiettivo e concretizzare il progetto già durante l’attuale mostra di Previati e Boccioni. Qui ci saranno contenitori tutti rinnovati, dal nuovo Diamanti alla conclusione dei lavori post sisma del Massari per ospitare i musei dell’Ottocento, Boldini, De Pisis, oltre ad Antonioni e alla video arte. Il museo poi sarà collegato al Parco perché verrà abbattuto il muretto che attualmente separa i due spazi. Il Pac rimarrà il punto nodale dell’arte contemporanea e ad aprile tornerà la Biennale Donna».

Il terzo polo è rappresentato dalle strutture che occupano la zona est, quella medievale della città. «Stiamo facendo un ragionamento – afferma il vicesindaco – per creare un unico polo museale mettendo insieme i musei civici di Schifanoia, Marfisa, Bonacossi da aggiungere agli statali Casa Romei e museo Archeologico, un polo d’arte antiche di grande interesse anche in prospettiva del recupero dei palazzi dell’università in via Savonarola, per fare un unico grande blocco. Schifanoia poi una volta completati i lavori che al momento lo vedono chiuso, diventerà una delle punte di diamante dei musei ferraresi, visto anche il buon numero di visitatori che ha registrato in questi anni nonostante l’apertura fosse parziale».

Il quarto polo è targato Meis. «Ripartono i cantieri – conclude Maisto – ci vorrà ancora un po’ di tempo, ma con il Meis si può puntare all’operazione raddoppio».

(g.p.z.)

Altri contenuti

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

Martedì 6 dicembre alle 18.30 siete tutti invitati al MEIS per scoprire la nuova mostra temporanea all’ingresso del museo “Hanukkah. Una festa raccontata attraverso l’arte”, curata da Amedeo Spagnoletto ed Ermanno Tedeschi. L’esposizione è dedicata a Hanukkah, la festa ebraica dei lumi che ricorda la vittoria dei Maccabei sui seleucidi e su chi aveva abbandonato […]
DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]