Premio dei Musei del Consiglio d’Europa al Correr

La Fondazione Musei Civici di Venezia ospita presso il Salone da Ballo del Museo Correr – venerdì 16 novembre, dalle ore 11 alle 17.30 – una conferenza internazionale realizzata in collaborazione con il Comune di Venezia, l’Ufficio di Venezia del Consiglio d’Europa ed European Museum Forum.

L’appuntamento, suddiviso in due tavole rotonde, ha l’obiettivo di presentare progetti e sfide che i musei italiani dovranno affrontare per avere un peso e un ruolo nel prossimo futuro.

Quasi quattro italiani adulti su dieci non presenziano ad alcun tipo di attività culturale e circa sette italiani su dieci non vanno al cinema, non visitano un museo né un sito archeologico (rapporto Federculture 2018).

L’incremento della partecipazione passa indissolubilmente attraverso il concetto di innovazione ed è proprio di questo e di valori europei che si parlerà il prossimo 16 novembre al Museo Correr.

Da più di quaranta anni, l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa insieme a European Museum Forum, sostiene il Premio Museo del Consiglio d’Europa, alla ricerca istituzioni museali che promuovono tematiche e valori che accomunano i popoli europei nello spirito di condivisione culturale come promosso dalla Convenzione di Faro.

All’interno del premio di European Museum Forum, musei appena inaugurati o nuovamente ripensati provenienti dai 47 Paesi membri del Consiglio d’Europa concorrono ogni anno per i due premi European Museum of the Year Award (EMYA) e il Premio Museo del Consiglio d’Europa (CoE-MP), fornendo un’ampia panoramica su trend museali innovativi e concettuali e sulle politiche culturali museali più diffuse nei vari paesi.

Dopo i saluti istituzionali da parte di un rappresentante del Comune di Venezia, della Presidente Mariacristina Gribaudi e della Direttrice Gabriella Belli della Fondazione Musei Civici di Venezia e della Direttrice dell’Ufficio di Venezia del Consiglio d’Europa Luisella Pavan-Woolfe, vi sarà la presentazione del contest da parte di Marco Biscione, giudice dell’EMYA, appena nominato direttore del M9 Museo del Novecento di Mestre e di Roberto Fasino, capo del segretariato della Commissione per la cultura, la scienza, l’istruzione e i media, Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE). Seguirà una lectio magistralis del Prof. David Fleming, già direttore del National Museum di Liverpool, vincitore del Council of Europe Museum Prize nel 2013, sui temi del ruolo sociale, dell’etica e dei diritti umani di cui il museo contemporaneo deve essere portatore.

Prenderanno parte ad una prima tavola rotonda i musei vincitori del Council of Europe Museum Prize nel 2016 e nel 2018: European Solidarity Centre (Museo di Solidarnosc), Gdansk (Polonia) e il War Childhood Museum, Sarajevo (Bosnia Herzegovina) insieme ad Adele Gambaro, già Rapporteur della Commissione PACE per presentare i progetti che, in questi anni, meglio hanno messo sulla scena museale i valori che il Consiglio d’Europa ricerca e premia.

Una seconda tavola rotonda con Simonetta della Seta, direttore del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, Ferrara, Alessandro Cocchieri, direttore del MAP – Il Museo dell’Agro Pontino, Pontinia, Giampietro Brunello, Presidente della Fondazione di Venezia, Venezia – M9 Museo del Novecento di Mestre e Chiara Squarcina, Fondazione Musei Civici di Venezia – Museo del Merletto, Burano, discuteranno su come i musei italiani innovano rispetto ai temi della cultura immateriale.

La conferenza è organizzata da: Consiglio d’Europa ufficio di Venezia, Città di Venezia, Fondazione Musei Civici di Venezia, European Museum Forum.

Con il supporto di: soluzionimuseali-ims.

Altri contenuti

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]
Post doc dello Yad Vashem

Post doc dello Yad Vashem

L’International Institute for Holocaust Research dello Yad Vashem ha aperto le candidature per la domanda di post-dottorato in Holocaust research. La fellowship ha una durata tra i due e i quattro mesi. I ricercatori possono scegliere di impegnarsi sia nel semestre autunnale che in quello primaverile.Tutti i candidati devono avere un Ph.D. o un J.D. […]