Porte spalancate al Giardino del Meis

Domani il Museo nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, riapre le sue porte e dà la possibilità di accedere al Giardino delle domande, percorso verde con ingresso da via Piangipane 81 che conduce alla scoperta delle regole dell’alimentazione ebraica e delle piante bibliche. Da luglio, invece, verrà inaugurato un campo estivo per i bimbi delle elementari. Ancora nulla di certo, invece, sull’apertura del museo, né della nuova nomina del direttore che succederà a Simonetta Della Seta, il cui incarico al Meis è in scadenza il 5 giugno. Per ricominciare insieme, il Meis offre uno spazio sicuro e accogliente, dove giocare all’aria aperta, esplorare il giardino didattico, partecipare ai laboratori per adulti e bambini, ma anche leggere e passare un po’ di tempo con se stessi immersi tra ulivi e melograni, pronti a riconnettersi con la natura. Non è un caso che il Meis riapra proprio prima della festa ebraica di Shavuoth, una delle feste ebraiche più importanti durante la quale si celebra il rapporto tra l’uomo e la natura. Il giardino sarà aperto dal martedì alla domenica (10-13; 16-18). L’ingresso è gratuito. Il Meis inaugura anche il campo estivo ‘Costruisci il tuo museo’ con attività ludiche e didattiche per i bimbi delle elementari che si terrà nelle prime due settimane di luglio, dal martedì al venerdì (9-12). I laboratori per bambini e workshop per adulti, invece, saranno attivi dal pomeriggio del 2 giugno. Durante la settimana è possibile prenotare dei laboratori didattici per bambini che si svolgeranno all’aria aperta e in totale sicurezza. Le tipologie tra cui scegliere sono quattro e hanno una durata di 2 ore (10.30-12.30; 16-18): Mangio dunque sono – La Kasheruth alimentare, Il calendario ebraico, Custodire la natura e Costruisci il tuo museo. Per informazioni e prenotazioni: meis@coopculture.it. Dal 2 giugno è possibile prenotare, registrarsi e pagare online chiamando i numeri: 848 082380 e 342 5476621.

Altri contenuti

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

Martedì 6 dicembre alle 18.30 siete tutti invitati al MEIS per scoprire la nuova mostra temporanea all’ingresso del museo “Hanukkah. Una festa raccontata attraverso l’arte”, curata da Amedeo Spagnoletto ed Ermanno Tedeschi. L’esposizione è dedicata a Hanukkah, la festa ebraica dei lumi che ricorda la vittoria dei Maccabei sui seleucidi e su chi aveva abbandonato […]
DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]