Palazzo Gulinelli e Meis. Esempi per l’Unesco

L’Unesco esalta i progetti di restauro ferraresi, in particolare Palazzo Gulinelli e il Meis. È quanto emerso dalla prima giornata del workshop che fino a domani analizzerà come valorizzare la qualità degli spazi urbani.

L’evento co-organizzato dall’agenzia delle Nazioni unite, dal Comune e da Gbc Italia, è stato aperto ieri mattina nella Sala dell’Imbarcadero dall’assessore Roberta Fusari, da Davide Poletto (Unesco) e dal vice presidente Gbc Italia Marco Mari, per lasciare poi la parola ai relatori che si sono susseguiti durante tutta la giornata, che hanno basato i loro interventi sulla sostenibilità applicata alla filiera edilizia, in quanto ritenuta la più lunga e di maggiore impatto. A livello europeo questa filiera produce il 38% dell’anidride carbonica, oltre il 50% dei rifiuti e oltre il 13% di consumo di acqua a cui si aggiunge quello energetico. L’altro aspetto sui cui i convegnisti si sono soffermati si è la tutela del grande patrimonio storico–culturale del nostro Paese.

Da diverse angolazioni i due temi verranno trattati durante i tre giorni del workshop attraverso tre focus; ieri all’Imbarcadero l’innovazione delle tecnologie rivolte però agli edifici storici; oggi alla Sala Arengo del Comune la comprensione e governo dell’edificio storico e su tutti gli impatti ambientali, mediante l’applicazione del “Protocollo energetico–ambientale Gbc Historic Building”, primo esempio a livello mondiale. Domani infine nella Sala dei Comuni del Castello, si parlerà più specificatamente di territorio.

Ferrara ha vari esempi tra cui il Meis e Palazzo Gulinelli restaurati e certificati proprio secondo questo Protocollo. I convegnisti andranno a visitare proprio questi ambienti. Anche il futuro restauro del Castello Estense seguirà i dettami di questo protocollo.

Margherita Goberti

Altri contenuti

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]
Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Quali libri leggere durante le vacanze estive? Tania Bertozzi, responsabile della biblioteca del MEIS (Cooperativa Le Pagine), ha pensato a qualche suggerimento che saprà soddisfare i lettori di ogni genere: da un giallo perfetto sotto l’ombrellone ad una storia d’amore che ci farà sognare, piangere e palpitare.  Raccontateci le vostre letture estive sui nostri social […]
Nuove modalità di accesso al museo

Nuove modalità di accesso al museo

In ottemperanza alle disposizioni del D.L. 23/07/2021, n. 105, previste per tutti i luoghi di cultura italiani, dal 6 agosto 2021 per poter accedere al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah sarà obbligatorio esibire il Green Pass unitamente ad un documento di identità valido. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti sulla base di idonea […]
Tornano le visite guidate

Tornano le visite guidate

Scopri la mostra “Mazal Tov!” Riprendono le visite guidate a partenza fissa al MEIS. Protagonista, la nuova mostra “Mazal Tov! Il matrimonio ebraico” curata da Sharon Reichel e Amedeo Spagnoletto e allestita dall’Architetto Giulia Gallerani. Le visite sono previste ogni sabato e domenica alle 11.30 al costo di 5 euro oltre al prezzo del biglietto. La […]
The Mortara case

The Mortara case

MARTEDÌ 22 GIUGNO – ore 19:00