"Non dimenticare". La donazione di Karin Ohry-Kossoy al MEIS

Pablo Picasso, Käthe Kollwitz, George Grosz. E poi Renato Guttuso, Emanuele Luzzati, Giacomo Manzù, Aligi Sassu, Ernesto Treccani.

Sono solo alcuni degli artisti da poco entrati al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah grazie alla donazione dell’israelo-svizzera Karin Ohry-Kossoy, che al MEIS ha affidato l’album “Non dimenticare. Deuteronomio 25/17”, appartenuto al padre Edward e contenente ben trentadue stampe di grande valore: “Non tanto e non solo in termini economici – precisa il Direttore del Museo, Simonetta Della Seta –, quanto come testimonianza di una vicenda che lega profondamente l’Italia a Israele. La mostra delle opere riprodotte nel volume ha coinvolto molti artisti italiani, ma soprattutto è stata promossa dall’Associazione Donne Ebree d’Italia – ADEI all’indomani del processo Eichmann, vero e proprio spartiacque della storia”.

“Mio padre – racconta Karin – era un avvocato specializzato nella restituzione dei beni ai sopravvissuti all’Olocausto da parte delle autorità tedesche. Nel corso della sua carriera ha ottenuto questo risultato per oltre sessantamila ebrei superstiti o per le loro famiglie”.

La Shoah non aveva risparmiato nemmeno lui: “Era scampato alla morte emigrando in Russia, ma la sua prima famiglia era stata eliminata in Polonia”. La stessa sorte toccata anche alla madre di Karin: “Originaria di Varsavia, perse i suoi familiari, compresa una figlia, a Treblinka, mentre lei riuscì a sopravvivere a Bergen-Belsen. Poi andò in Palestina, dove conobbe mio padre”.

Edward Ohry-Kossoy acquistò le tavole a Ginevra, a un’asta pubblica, probabilmente tra gli anni ’70 e ’80: “Penso volesse donarle, ma non ha mai individuato un luogo adatto a ospitarle. Sono felice di averlo finalmente trovato io, qui al MEIS”.

Quell’album ha sempre significato tanto per Karin, “anche perché parla della Shoah. Fu realizzato nel 1962, dopo una mostra commemorativa dell’Olocausto allestita a Roma e in altre città italiane. E visto che Käthe Kollwitz, George Grosz e Pablo Picasso erano ancora vivi, non è da escludere che a loro e ad altri sia stato chiesto direttamente di donare le stampe dei propri lavori”.

A firmare l’introduzione è lo scrittore, giornalista (l’Unità e diverse altre testate) e critico d’arte Mario De Micheli, “che si collocava a sinistra della mappa politica e che negli anni ’20 e ’30 ha fatto conoscere al pubblico numerosi artisti contemporanei. Sotto il fascismo, lui e sua moglie hanno aiutato a tal punto gli ebrei da essere riconosciuti dallo Yad Vashem come ‘Giusti fra le Nazioni’”.

“Non so quanto l’evento fu seguito all’epoca – prosegue la signora Ohry-Kossoy –, ma di certo riuscì a coagulare le opere di artisti assai celebri, la maggior parte dei quali ebrei. Ho anche riflettuto sul perché di una rassegna sulla Shoah proprio nel 1962, molto tempo dopo il 1945. E la risposta è che in quell’anno terminò il processo ad Adolf Eichmann, il tenente colonnello delle SS riconosciuto come il principale artefice della ‘soluzione finale’: un evento che ha cambiato un po’ ovunque l’attitudine del pubblico e delle autorità verso la Shoah. Per la prima volta i sopravvissuti hanno raccontato pubblicamente ciò che avevano sofferto. I programmi radiofonici israeliani trasmettevano ogni giorno quei contenuti, dei quali il pubblico non aveva ancora piena consapevolezza o non voleva parlare. E non accadde solo in Israele, ma anche altrove, grazie a figure come Hannah Arendt, che seguì il processo e lo rese noto al mondo, fino a pubblicare “La banalità del male””.

“Al MEIS – ha annunciato Della Seta – stiamo iniziando a ragionare su come affrontare il tema della Shoah specialmente nell’esperienza italiana: in forma simbolica, ma andando al contempo in profondità. In novembre ospiteremo la seconda assemblea plenaria dell’Alleanza Mondiale per la Memoria della Shoah (IHRA), quest’anno presieduta dall’Italia. La donazione di Karin Ohry-Kossoy giunge in un momento quanto mai opportuno. Siamo onorati di riceverla e le daremo la giusta valorizzazione”.

Altri contenuti

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]
Post doc dello Yad Vashem

Post doc dello Yad Vashem

L’International Institute for Holocaust Research dello Yad Vashem ha aperto le candidature per la domanda di post-dottorato in Holocaust research. La fellowship ha una durata tra i due e i quattro mesi. I ricercatori possono scegliere di impegnarsi sia nel semestre autunnale che in quello primaverile.Tutti i candidati devono avere un Ph.D. o un J.D. […]