Le storie e i personaggi del ’900 ferrarese. Un viaggio nel passato con le piccole guide

Le maniglie del Palazzo dell’Aeronautica disegnate nel metallo come piccole ali di gabbiano. L’affascinante scala elicoidale che all’interno dello stesso edificio razionalista sale morbida e veloce, a incontrare la luce soffusa che filtra dai fondi di bottiglia utilizzati per punteggiare il lucernaio dell’ultimo piano. Il sarcofago romano custodito all’interno del Palazzo delle Poste, decorato con la rappresentazione di Atena, vicino ai bassorilievi che descrivono il mito di Fetonte e la nascita del fiume Po, e ai mascheroni ispirati alle commedie agresti della Grecia classica, che salutano l’ingresso dei visitatori. Il profilo arrotondato degli arredi in radica ideati dall’architetto Carlo Savonuzzi per l’ufficio di suo fratello Girolamo, all’epoca assessore a Palazzo Municipale, eletto nel 1919, costretto alle dimissioni nel 1920 a causa delle sue idee antifasciste.

L’INIZIATIVA A FERRARA

Quanti dettagli preziosi, e quanti racconti, si nascondono dietro le facciate dei palazzi che ogni giorno incontriamo attraversando il centro storico di Ferrara? Talmente concentrati sugli impegni che dobbiamo portare a termine, sulla lista delle cose da fare e sulle persone che dobbiamo incontrare, dimentichiamo di guardarci attorno. Anche per questo nasce Monumenti Aperti: un weekend per riscoprire, attraverso la curiosità dei bambini, la bellezza e le storie di cui si compone la città. La manifestazione – ideata dalla onlus sarda Imago Mundi, organizzata qui da Ferrara Off con il patrocinio del Comune – festeggia il secondo anno nel capoluogo estense dedicandosi al ’900 e offrendo gratuitamente una serie di visite guidate originali, condotte dagli alunni delle scuole elementari e medie, oggi a disposizione tra le 10 e le 18, con breve pausa pranzo, dalle 13.30 alle 14.30.

IL PERCORSO

Gli spazi coinvolti nell’iniziativa sono 18: il programma comprende i vecchi magazzini fluviali costruiti sulle rive del Volano, che dal 2011 ospitano le attività del Consorzio Wunderkammer, la scuola Alda Costa, voluta dal regime fascista ma poi dedicata a una maestra antifascista, il cinema Boldini, le antiche carceri di via Piangipane, le stesse dove venne rinchiuso lo scrittore Giorgio Bassani, diventate sede del Meis, l’Acquedotto monumentale, il Museo di storia naturale, il Museo della Cattedrale, la Cella del Tasso, la via Coperta che collega il Castello al Municipio e tante altre sedi. La maggior parte di questi luoghi è normalmente accessibile al pubblico ma non sono – purtroppo – di dominio pubblico le narrazioni, gli avvenimenti, gli aneddoti, i riferimenti storici e architettonici che le piccole guide si impegnano ad illustrare, a volte aiutandosi con i disegni realizzati in aula, altre volte interpretando i personaggi chiave del ’900 ferrarese.

LUOGHI SPECIALI

Da non perdere, essendo queste aperture veramente eccezionali, il Palazzo dell’Aeronautica in viale Cavour, costruzione futurista fortemente voluta dal gerarca Italo Balbo, all’epoca ministro del regime. E Casa Minerbi – Del Sale in via Giuoco del Pallone, sontuosa dimora di epoca medievale restaurata nel secondo dopoguerra dall’architetto Piero Bottoni, esempio di come antichità e contemporaneità possano convivere in equilibrio.

Licia Vignotto

Altri contenuti

24 maggio, formazione online

24 maggio, formazione online

Proseguono le formazioni online gratuite realizzate nell’ambito del progetto europeo  REMEMBR-HOUSE, realizzato insieme alla Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura. Vi aspettiamo su Zoom venerdì 24 maggio alle 16.30 con l’incontro Le conseguenze economiche e sociali della persecuzione nazifascista. Interverranno: Ilaria Pavan (Scuola Alti Studi Lucca) – Una storia dimenticata? Il fascismo e la confisca dei beni ebraici  Barbara Costa (Archivio Storico Intesa […]
22 e 25 maggio, ‘900 al femminile

22 e 25 maggio, ‘900 al femminile

In occasione della mostra “Ebrei nel Novecento italiano”, il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara (via Piangipane, 81) propone due attività dedicate al Novecento al femminile da non perdere, realizzate in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara e con il 𝗖𝗼𝗺𝗶𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗥𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗘𝗺𝗶𝗹𝗶𝗮-𝗥𝗼𝗺𝗮𝗴𝗻𝗮 di 𝗞𝗼𝗺𝗲𝗻 𝗜𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮, associazione in prima linea […]
15 maggio, la Resistenza dei fratelli Sereni

15 maggio, la Resistenza dei fratelli Sereni

Le celebrazioni per la Festa della Liberazione proseguono il 15 maggio alle 17.30 al Bookshop del MEIS (via Piangipane 81, Ferrara) con l’incontro “Emilio ed Enzo Sereni, due fratelli resistenti, due vite straordinarie.  Le scelte, i percorsi e i documenti”.Organizzata in collaborazione con l’Istituto Alcide Cervi di Gattatico (Reggio Emilia) e l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara, la conferenza metterà in luce le affascinanti […]
12 maggio, evento al MEIS

12 maggio, evento al MEIS

La cucina ebraica italiana custodisce ricette che da secoli si tramandano di famiglia in famiglia. Una tradizione che si differenzia in ogni città e vede il dialogo armonioso tra i precetti delle feste e i cibi simbolici, le norme alimentari e prodotti tipici del territorio. Di questo e di molto altro parleremo domenica 12 maggio alle […]
9 maggio, evento online di #ITALIAEBRAICA

9 maggio, evento online di #ITALIAEBRAICA

Torna per il quarto anno #ITALIAEBRAICA, il progetto online che riunisce i musei ebraici italiani e che ha visto la partecipazione di migliaia di persone. L’edizione di quest’anno è dedicata ai libri: condivideremo con voi racconti e aneddoti sulle collezioni, i luoghi e la fattura stessa dei volumi, ma approfondiremo anche i temi che emergeranno sfogliando […]