“Le origini della vita”. Scienza e religioni a confronto

di Emanuele Berro

È stato il Meis la cornice scelta per il terzo evento dell’iniziativa “Ad alta voce”, organizzata da Coop Alleanza 3.0 per la prima volta a Ferrara: oggetto del dibattito “Le origini della vita”, tenutosi venerdì mattina (26 ottobre), è stato il rapporto tra scienza e religioni.

All’evento, presentato dalla direttrice del Museo dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, Simonetta Della Seta, hanno partecipato in qualità di ospiti Vito Mancuso, docente, teologo ed editorialista de “La Repubblica”, Alessandro Treves, professore alla Sissa di Trieste, e Daniela Abravanel, esperta di studi ebraici.

Anticipati dalla lettura dei primi versi della Genesi e intervallati dall’accompagnamento musicale dei maestri dell’Amf (Associazione Musicisti di Ferrara), gli ospiti hanno passato in rassegna opinioni e fatti sull’origine della vita, partendo dall’opera di noti biologi e fisici come Darwin ed Einstein. Treves in particolare ha riferito degli ultimi sviluppi della biologia sul tema, come la possibilità che l’Rna (molecola genetica a singolo filamento) abbia anticipato il più conosciuto Dna (a doppio filamento), o che le forme primordiali di vita siano comparse nelle correnti calde del profondo degli oceani.

Non solo sull’origine della vita si è soffermata l’attenzione degli ospiti, ma anche sulla sua preservazione. In tal senso si è parlato del rapporto tra ecosostenibilità ed evoluzione: secondo Abravanel, “non sempre evolve il più forte, ma evolve chi riesce a vivere in modo ecosostenibile, ovvero compatibile con gli altri”. E come conciliare evoluzione e religione? “L’evoluzione è un dato”, dice Mancuso, “con il quale dobbiamo entrare in alleanza. […] Non vedo assolutamente contrapposizione tra dimensione spirituale e questo dato”.

Altri contenuti

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]
Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Quali libri leggere durante le vacanze estive? Tania Bertozzi, responsabile della biblioteca del MEIS (Cooperativa Le Pagine), ha pensato a qualche suggerimento che saprà soddisfare i lettori di ogni genere: da un giallo perfetto sotto l’ombrellone ad una storia d’amore che ci farà sognare, piangere e palpitare.  Raccontateci le vostre letture estive sui nostri social […]
Nuove modalità di accesso al museo

Nuove modalità di accesso al museo

In ottemperanza alle disposizioni del D.L. 23/07/2021, n. 105, previste per tutti i luoghi di cultura italiani, dal 6 agosto 2021 per poter accedere al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah sarà obbligatorio esibire il Green Pass unitamente ad un documento di identità valido. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti sulla base di idonea […]
Tornano le visite guidate

Tornano le visite guidate

Scopri la mostra “Mazal Tov!” Riprendono le visite guidate a partenza fissa al MEIS. Protagonista, la nuova mostra “Mazal Tov! Il matrimonio ebraico” curata da Sharon Reichel e Amedeo Spagnoletto e allestita dall’Architetto Giulia Gallerani. Le visite sono previste ogni sabato e domenica alle 11.30 al costo di 5 euro oltre al prezzo del biglietto. La […]
The Mortara case

The Mortara case

MARTEDÌ 22 GIUGNO – ore 19:00