LA FORZA DI LILIANA

Stefano Lolli

«NON ASCOLTATEMI come una sopravvissuta, una testimone, una senatrice. Siete i miei nipoti ideali, ascoltatemi come una nonna». Liliana Segre guarda i giovani che gremiscono il Teatro Nuovo, fissandoli uno a uno: «Per me è importante vedere i vostri occhi». Stabilito il contatto emotivo, il racconto diventa suadente e forte: «Ero una bambina qualunque, felice, viziata, in una casa di persone che l’amavano». Aveva otto anni, Liliana, quando per le leggi razziali fu espulsa da scuola: «Gridai ‘perché?’, tra le lacrime. E ancora adesso quell’interrogativo non ha trovato risposta». La storia scivolava sulla china insidiosa della guerra, prima, e della Shoah poi: «Tentammo di scappare in Svizzera, accompagnati dai ‘passatori’ che facevano un mercato umano, e mi ricordano tanto gli scafisti che oggi traghettano le persone». Poi l’approdo, terribile, ad Auschwitz Birkenau: «Vedevo attorno a me qualcosa di impossibile – nella sala il silenzio si fa denso –; anni dopo, leggendo Primo Levi, ha capito che quello era ‘lo stupore per il male altrui’, la cosa più atroce e inaudita». Di sé, la Segre parla con lucidità: «Fui vigliacca, egoista: i miei assassini mi avevano fatto diventare una lupa affamata». La salvezza affidata al caso, e a una forza incredibile: «Quando i miei nipoti tornano da scuola dicendomi ‘non ce la faccio più’, mi arrabbio – sorride la senatrice a vita –. Non ditelo più neppure voi, siete fortissimi. E dovete trasformare la marcia della morte, alla quale io sono sopravvissuta mettendo una gamba davanti all’altra, nella marcia della vita che state plasmando. Non ascoltate i bulli, sappiate provare pietà, perché la pietà è un dono». E in un’epoca in cui sembra di nuovo messo in discussione «il fatto che tutti gli uomini sono uguali, e meritano rispetto e dignità», il valore fondamentale è quello della scelta: «Quando il campo fu liberato, il comandante, un Ss terribile che ci picchiava col nerbo di bue, gettò la pistola a terra. Io mi ero nutrita di odio e di vendetta – conclude la Segre – pensai di chinarmi, raccogliere l’arma e sparargli. Fu un attimo, capii che non ero come il mio aguzzino, e che avevo scelto la vita. Da quel momento sono una donna libera e di pace».


SUL PALCO

«Le sue parole scardinano l’indifferenza»

«PERCHÈ state ridendo? Non fatelo qui, uscite fuori, c’è un bel sole e potete godervelo. Andate pure, io non mi offendo». Brividi in sala quando Liliana Segre interrompe la propria emozionante testimonianza per bacchettare, a distanza, alcuni ragazzi che sembravano distratti da qualche facezia. Un richiamo non tanto da nonna, ma da persona che sa quanto preziose siano le parole, distillate e poste ciascuna con il giusto e sofferto peso. Incontro straordinario, quello promosso ieri dal Meis al Teatro Nuovo: «Il compito fondamentale del museo – sottolinea il presidente Dario Disegni –, non è solo quello di organizzare mostre e narrare la storia, ma di costituire un polo culturale e di civiltà, capace anche di scuotere l’indifferenza, quando l’intolleranza, il razzismo, la xenofobia sembrano nuovamente irrompere». Arrivata in città giovedì sera, accolta proprio al Meis dal direttore Simonetta Della Seta, ieri la senatrice a vita ha aperto di fatto le iniziative del Giorno della Memoria: «Vogliamo considerarlo come il giorno della conoscenza», il commento del prefetto Campanaro, che ha aperto gli interventi istituzionali. Seguito dal sindaco Tagliani, per cui «dimenticare è la maggior offesa alla storia e a chi ne ha patito dure conseguenza. Dobbiamo batterci perché le coscienze non siano, mai, anestetizzate». Oltre 700 gli studenti in sala, in rappresentanza di una ventina di scuole, di città e provincia: e per il direttore dell’Ufficio Scolastico provinciale Giovanni Desco già questo ha rappresentato un evento. Ma ai ragazzi e agli insegnanti ha detto «che il sapere, di per sè, non è sufficiente per assicurare pace e benessere». Occorre avere la capacità di ascoltare le testimonianze, fondamentali, di chi ha la forza per portarle sino a noi. Ma anche i discorsi protocollari, come le risatine di qualche ragazzino improvvido, sono stati presto interrotti: «Mi avete chiamato per ascoltare o per parlare?», la frase a bassa voce della Segre ai vicini di tavolo d’onore. Schietta, profonda, ironica («Ma perché fotografate solo me? Non c’è Belen in giro?», la battuta davanti agli obiettivi), istintivamente affettuosa con i giovani. Al termine tutti in piedi per la standing ovation che si tributa ai grandi. Lei, però, batte le mani soprattutto «agli insegnanti: in trent’anni ho incotrato 200-300mila studenti, e ho trovato tanti docenti che sentono la missione, come me, di portare avanti la mia storia».

Altri contenuti

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]
Post doc dello Yad Vashem

Post doc dello Yad Vashem

L’International Institute for Holocaust Research dello Yad Vashem ha aperto le candidature per la domanda di post-dottorato in Holocaust research. La fellowship ha una durata tra i due e i quattro mesi. I ricercatori possono scegliere di impegnarsi sia nel semestre autunnale che in quello primaverile.Tutti i candidati devono avere un Ph.D. o un J.D. […]