IL NUOVO MUSEO DELL'EBRAISMO ITALIANO

Le strade, la storia e le tradizioni di Ferrara sono permeate dalla presenza della comunità ebraica che vive qui da oltre mille anni. Ciò anche per merito dei duchi d’Este, che aprirono le porte della città agli Ebrei proprio quando altri governanti – a partire dai papi – li cacciavano o isolavano. Anche per queste ragioni, Ferrara è stata scelta per ospitare il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah all’interno dell’ex carcere restaurato di via Piangipane, che entro il 2020 verrà ampliato con altri edifici moderni, alla guisa di volumi che richiamano i cinque libri della Torà (foto in alto). Inaugurato lo scorso dicembre, il MEIS è chiamato a narrare gli oltre due millenni di vitale e ininterrotta presenza degli Ebrei in Italia, il loro fondamentale contributo allo sviluppo economico, all’unità nazionale e alla cultura del nostro Paese, ma anche il dramma delle leggi razziali del 1938 e dell’Olocausto. Per farlo si affida innanzitutto a uno spettacolo multimediale di 24 minuti, in cui 2.200 anni di storia della nostra penisola sono visti e raccontati attraverso gli occhi di un ebreo italiano. Perché non c’è miglior modo per comprendere gli altri che provare a mettersi nei loro panni. Un’esposizione dal titolo Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni (foto a sinistra e in basso), aperta fino al 16 settembre, svela, invece, al pubblico, le origini della presenza ebraica in Italia, dai suoi albori fino al Medioevo, attraverso un racconto scandito da 200 oggetti preziosi, tra cui manoscritti, incunaboli, cinquecentine, epigrafi di età romana e medievale, anelli, sigilli, monete e amuleti provenienti da musei di tutto il mondo (biglietto 10 euro, tel. 848 082 380 – www.meis.museum).

Altri contenuti

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]
Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Quali libri leggere durante le vacanze estive? Tania Bertozzi, responsabile della biblioteca del MEIS (Cooperativa Le Pagine), ha pensato a qualche suggerimento che saprà soddisfare i lettori di ogni genere: da un giallo perfetto sotto l’ombrellone ad una storia d’amore che ci farà sognare, piangere e palpitare.  Raccontateci le vostre letture estive sui nostri social […]
Nuove modalità di accesso al museo

Nuove modalità di accesso al museo

In ottemperanza alle disposizioni del D.L. 23/07/2021, n. 105, previste per tutti i luoghi di cultura italiani, dal 6 agosto 2021 per poter accedere al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah sarà obbligatorio esibire il Green Pass unitamente ad un documento di identità valido. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti sulla base di idonea […]
Tornano le visite guidate

Tornano le visite guidate

Scopri la mostra “Mazal Tov!” Riprendono le visite guidate a partenza fissa al MEIS. Protagonista, la nuova mostra “Mazal Tov! Il matrimonio ebraico” curata da Sharon Reichel e Amedeo Spagnoletto e allestita dall’Architetto Giulia Gallerani. Le visite sono previste ogni sabato e domenica alle 11.30 al costo di 5 euro oltre al prezzo del biglietto. La […]
The Mortara case

The Mortara case

MARTEDÌ 22 GIUGNO – ore 19:00