Hanukkah, festa delle luci. Itinerario speciale al Meis

Luce e condivisione sono al centro della festa ebraica di Hanukkah, che ha inizio oggi. Una celebrazione particolarmente legata al Meis, che è stato inaugurato proprio durante Hanukkah di due anni fa. A questo proposito, per le giornate di oggi, di sabato 28 e di domenica 29 dicembre, le visite guidate a partenza fissa al museo previste alle 15, con ritrovo in biglietteria alle 14.45, si trasformano in una vera e propria festa per adulti e bambini. Un percorso, rivolto a famiglie e bimbi, dedicato dunque a Hanukkah, la storia e le sue tradizioni, senza tralasciare diverse sorprese. Una ricorrenza che rappresenta l’occasione per stare insieme e ritrovare il piacere della dimensione domestica. Un appuntamento, durante le giornate al Meis, anche per l’iniziativa denominata #sevivonchallenge. A questo proposito, una volta acquistato il biglietto viene data l’opportunità di giocare con il sevivon, la trottola di Hanukkah, e sfidare la sorte. Il vincitore si aggiudicherà un biglietto omaggio, da utilizzare per la prossima visita al Meis. Per informazioni e prenotazioni, occorre telefonare ai numeri 0532 1912039 e 342 5476621, attivi da martedì a domenica, dalle 10 alle 18. Hanukkah inizia il 25 del mese ebraico di Kislev, dura otto giorni e ricorda la vittoria della famiglia ebraica dei Maccabei sugli Elleni. Hanukkah è infatti propriamente detta la festa dell’inaugurazione. Si posizionano otto lumi più lo Shammash, che è il lume ‘guida’, dal quale si prende il fuoco per accendere gli altri ed è solitamente posto al centro o al lato. Il primo giorno viene acceso lo Shammash e il primo lume, il secondo giorno lo Shammash e due lumi e così via in modo che l’ultimo giorno il candelabro sia completamente illuminato. Oggetto immancabile nelle case ebraiche, la Hanukkiah è stata per secoli frutto di tantissime rielaborazioni artistiche, al punto che la Comunità ebraica di Casale Monferrato le ha dedicato un museo ad hoc, il Museo dei Lumi. Tradizionalmente si accende fuori dalla porta o vicino a una finestra.

Altri contenuti

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

Martedì 6 dicembre alle 18.30 siete tutti invitati al MEIS per scoprire la nuova mostra temporanea all’ingresso del museo “Hanukkah. Una festa raccontata attraverso l’arte”, curata da Amedeo Spagnoletto ed Ermanno Tedeschi. L’esposizione è dedicata a Hanukkah, la festa ebraica dei lumi che ricorda la vittoria dei Maccabei sui seleucidi e su chi aveva abbandonato […]
DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]