Ferrara non dimentica. Una settimana di incontri per ricordare l’orrore

Dopo il commovente incontro con la senatrice Liliana Segre, una delle ultime testimonianze vive e tangibili di chi è sopravvissuto all’atrocità dei lager, avvenuto un paio di settimane fa al teatro Nuovo di Ferrara, proseguono oggi le iniziative legate alla Giornata della Memoria. Oggi al Meis di Ferrara (via Piangipane, 81) alle 10 sarà presentato il libro di Simon Levis Sullam “1938. Storia, racconto, memoria”. Alla presenza dell’autore introdotto dalla direttrice del Meis, Simonetta Della Seta che alle 16, sarà impegnata anche nell’introduzione del testo di Alessandro Barban ed Antonio C. Dall’Acqua “Etty Hillesum. Osare Dio”.

DOMANI

Proseguono domani, sempre al museo dell’ebraismo e della Shoah, gli incontri dedicati alla memoria. Alle 10.30 verrà presentato “Piccola autobiografia di mio padre”, dove Daniel Vogelmann ricorda la figura del genitore. Alle 16 invece, sarà la volta del libro “1938. L’Italia razzista” di Fabio Isman. La mostra “I triangoli e le stelle. Momenti di memoria” a cura di Davide Guarnieri sarà invece inaugurata alle 16.30 al museo del Risorgimento e della Resistenza in Corso Ercole I d’Este 19.

MERCOLEDÌ

Mercoledì alle 10, alla casa circondariale di Ferrara (in via Arginone), verrà proiettato il film “La razzia. Roma 16 ottobre 1943”. All’appuntamento saranno presenti il regista Ruggero Gabbai e l’autore Marcello Pezzetti. Alla stessa ora poi, alla caserma Bevilacqua di corso Ercole I d’Este, tradizionale cerimonia di deposizione di una corona al cippo che ricorda i cittadini ferraresi ebrei qui reclusi nel gennaio 1944; seguirà un incontro con gli studenti ed una presentazione della web serie scritta e diretta da Giuseppe Muroni, storico e docente tresigallese.

Nel pomeriggio, alle 15.30 nell’aula magna del Dipartimento di giurisprudenza in collaborazione con il Meis, si affronterà l’aspetto giuridico delle Leggi razziali. Alle 16 al Museo della Resistenza, la direttrice Antonella Guarnieri dialogherà con Edgardo Bertulli, autore di “Mio nonno è una vecchia grattugia arrugginita”; il libro, edito da Youcaprit, ripercorre la storia del centese morto in un campo di prigionia.

VENERDÌ

In programma la cerimonia di consegna di due medaglie d’onore del presidente della Repubblica a due cittadini deportati ed internati che si vanno ad aggiungere alle altre 370 onorificenze già attribuite dal 2009 ad oggi. Sarà il prefetto Michele Campanaro a consegnarle nel Salone d’Onore del Museo di Spina di via XX settembre alle 10. Nell’occasione sarà anche presentato il libro di Luca Alessandrini “Discriminazione e persecuzione”. Alle 21 al centro sociale Il Quadrifoglio, con gli studenti dei licei Carducci e Roiti si terrà “Un viaggio della memoria. Una serata per la Pace” e a seguire “Il recupero della memoria”.

SABATO E DOMENICA

Sabato alle 16 al museo del Risorgimento e della Resistenza la studiosa della deportazione Silvia Pascale terrà una conferenza dal titolo “Nonna Teresa, il coraggio di una madre”. Domenica, alle 11, in piazzetta municipale gli allievi della scuola di musica Musijam e le scuole Tasso e Poledrelli danzeranno, canteranno e suoneranno le “Musiche …interrotte! Memorie delle antiche comunità ebraiche dell’Est Europa” ed al pomeriggio, alle 17, negli spazi del circolo Frescobaldi (via Foro Boario, 87) conferenza di Annalisa Lo Piccolo sul tema “Le persecuzioni razziali nell’Opera e nella musica”.

ULTIMI EVENTI

Lunedì 28 alle 17 nella sala Agnelli della Biblioteca Ariostea, Cetty Muscolino presenterà il suo libro “Quando scrivevo ad Otto Frank”, padre di Anna Frank autrice del famoso Diario. L’intenso programma dedicato alla memoria si chiuderà il 30 gennaio al liceo Roiti dove alle 10, le classi III e IV G presenteranno la mostra virtuale “Discriminare: le Leggi razziali a Ferrara”, realizzata in collaborazione con l’Archivio di Stato della città.

Margherita Goberti

ALTRE INIZIATIVE

Apertura del museo

Oggi apertura straordinaria del Meis (orario 10-18): visite guidate al percorso espositivo permanente “Ebrei”, spettacolo multimediale e mostra di Karavan

Altri contenuti

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

Martedì 6 dicembre alle 18.30 siete tutti invitati al MEIS per scoprire la nuova mostra temporanea all’ingresso del museo “Hanukkah. Una festa raccontata attraverso l’arte”, curata da Amedeo Spagnoletto ed Ermanno Tedeschi. L’esposizione è dedicata a Hanukkah, la festa ebraica dei lumi che ricorda la vittoria dei Maccabei sui seleucidi e su chi aveva abbandonato […]
DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]