Domani al Meis Gitai e il progetto su Gracia Nasi

Domani alle 17 al Meis di Ferrara (in via Piangipane, 81), il regista israeliano Amos Gitai, ben noto alle platee internazionali di Cannes e di Venezia, presenterà in anteprima il suo nuovo progetto cinematografico, un film su Doña Gracia Nasi, la business woman che nel Rinascimento scelse la città estense per tornare alla propria cultura-madre: l’Ebraismo.

Suoi interlocutori in lingua inglese – tradotta per il pubblico in simultanea – la direttrice del Meis, Simonetta Della Seta, ed il giornalista e scrittore Alain Elkann, genero di Agnelli.

Durante la sua permanenza a Ferrara, Gitai si occuperà delle location della pellicola, in vista delle future riprese.

Da oltre quarant’anni indaga con la macchina da presa la complessità dell’identità ebraica e israeliana nell’ambito delle sue radici umane, culturali, filosofiche ed economiche; suo desiderio è illustrare i motivi che lo hanno spinto a puntare i riflettori sulla vita di Doña Gracia, straordinario personaggio femminile che,

all’inizio del ‘500, animò anche la vita ferrarese.

Qui, grazie all’apertura di vedute e lungimiranza dei Duchi d’Este – molto simile a quella del Doge della Serenissima nei confronti degli Ebrei, della loro residenza e lavoro in laguna, ebbe il coraggio di riavvicinarsi all’Ebraismo, religione che la sua famiglia – di antico casato ebraico e proveniente dalla Spagna e poi dal Portogallo – aveva dovuto abbandonare dopo l’editto di espulsione degli Ebrei, firmato da Isabella e Ferdinando di Castiglia nel 1492 – l’anno della scoperta del Mondo nuovo, l’America.

Quando Gracia morì, a venir meno fu una donna influente e rispettata, combattiva e mai rassegnata di fronte alle avversità, consapevole dei propri privilegi eppure intensamente devota, un’imprenditrice ante litteram abile e piena di risorse, vera leader della diaspora sefardita e generosa benefattrice delle imprese ebraiche, autentica incarnazione della solidarietà appassionata tra esuli.

Dopo l’incontro del pomeriggio al Meis, Amos Gitai proseguirà il suo incontro con l’anima di Ferrara, presentando in versione originale sottotitolata, la sera alla sala Boldini (in via Previati, ore 21), Tsili, una pellicola presentata fuori concorso alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 2014.

Con essa il cineasta aveva proseguito l’indagine sui concetti di casa, identità e appartenenza realizzando un film rarefatto, raffinato, ma, al contempo, non meno duro. Ancora una donna ebrea al centro del film.

Tsili è il nome della giovane che, negli anni Quaranta del secolo scorso, si nasconde in un bosco alla periferia di Czernovicz, dopo che i suoi parenti sono stati deportati nei campi di concentramento.

Con l’istinto di un animale, si costruisce un nido in piena zona di combattimento e sopravvive.

Poi arriva Marek, che scopre il suo nascondiglio. Si rivolge a lei in yiddish e, quando capisce che anche lei è ebrea, si trasferisce nel rifugio di Tsili. Un giorno Marek va al villaggio in cerca di cibo, ma non torna più. All’improvviso la guerra finisce e la ragazza lascia la sua tana. Incontra i sopravvissuti dei campi e insieme si dirigono verso una barca, che li porterà in un’altra terra…

Maria Cristina Nascosi

Altri contenuti

Rosh HaShanah 5783

Rosh HaShanah 5783

La sera di domenica 25 settembre inizierà Rosh HaShanah, il Capodanno ebraico, durante il quale si festeggerà l’ingresso nell’anno 5783. Il Capodanno cade il 1° del mese ebraico di Tishrì e apre un intenso periodo di festività che vogliamo celebrare con un’immagine fortemente simbolica: la ricostruzione della pavimentazione del IV secolo della sinagoga di Bova Marina a San Pasquale (Reggio Calabria), […]
Seminario “Opere da ritrovare”. I beni culturali sottratti agli ebrei in Italia: un primo bilancio

Seminario “Opere da ritrovare”. I beni culturali sottratti agli ebrei in Italia: un primo bilancio

16 settembre 2022, ore 9.30, Biblioteca Nazionale Centrale, Sala Macchia A seguito della promulgazione delle leggi razziali, nel periodo tra il 1938 e il 1945, vennero sottratti alle comunità ebraiche presenti nelle diverse città italiane e a singoli cittadini ebrei un numero imprecisato di beni culturali: opere d’arte, ma anche libri, documenti, mobilio, argenteria, oggetti […]
6 settembre, gita musicale sulla Nena

6 settembre, gita musicale sulla Nena

Martedì 6 settembre dalle 18.00 è prevista una gita gratuita sulla Nena, il battello fluviale, con l’accompagnamento musicale curato da PAOLO BUCONI & FLAVIO PISCOPO. Paolo Buconi è un etnomusicologo e violinista. La sua caratteristica fondamentale è unire il canto della voce a quella del violino. Ha sempre affiancato alla musica classica la sua passione per le musiche dei popoli, prima […]
6 settembre, evento per il Centenario del Liceo Roiti

6 settembre, evento per il Centenario del Liceo Roiti

Martedì 6 settembre alle 16.30, il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS (via Piangipane, 81) ospita un evento dedicato alla memoria di Yoseph Colombo, rabbino, filosofo e preside del Liceo “A. Roiti” di Ferrara fino al 1938, anno in cui – a causa della promulgazione delle Leggi razziali – dovrà lasciare l’incarico.  L’incontro, aperto […]
Anteprima ferrarese di Piazza

Anteprima ferrarese di Piazza

Chi sono gli ebrei di Roma? Cosa è la Piazza? Come è cambiata la vita nel quartiere dell’ex ghetto dopo la retata nazista del 16 ottobre 1943? L’ARENAMEIS si chiude mercoledì 31 agosto alle 21.00 con “Piazza”, il documentario prodotto da Nanni Moretti e girato dalla talentuosa regista Karen Di Porto, già firma del film “Maria per Roma”. Di Porto tratteggia un ritratto dolceamaro […]