Dario Franceschini: “Da ministro della cultura mi do 6,5. Non c’è lavoro più bello”

di Simone Pesci

“There’s no better job in the world”. Così disse il presidente Barack Obama in visita al Colosseo un mese dopo che Dario Franceschini giurò al Quirinale come ministro della cultura, “il ministero economico più importante d’Italia dissi allora, in quella che poteva sembrare una battuta ma non lo era”. A quattro anni esatti di distanza dal giorno dell’insediamento, Franceschini si ritrova alla caffetteria del Castello per fare un bilancio da “6,5 che è il voto che mi do come ministro”. Concordando con Obama – “non c’è lavoro più bello che fare il ministro della cultura in Italia” -, il candidato ferrarese del Pd alle prossime elezioni si guarda indietro.

E, nel farlo, vede un “cambiamento totale del sistema museale”, con i musei che da “uffici delle soprintendenze, un’eccellenza, certo, ma che non avevano competenze in materia gestionale”, oggi si trovano a essere “una centralità che è stata costruita e che spero non si torni indietro”.

“Investire in cultura – prosegue – significa aiutare il made in Italy e gli investimenti stessi, si possono creare lavoro e crescita economica. La cultura fa bene alle persone, la bellezza è la nostra arte”.

Non manca poi una stoccata ai detrattori, riguardante le polemiche riferite ai direttori stranieri dei musei: “Il direttore della National Gallery è italiano e viene dal Prado, quello del British Museum è tedesco”. La querelle, secondo Franceschini, ha dimostrato “l’arretratezza del nostro sistema”, perché “all’estero nessuno si sognerebbe mai di dire delle cose così idiote”.

Poi, qualche cifra. “La card dei 18enni – afferma – è stata utilizzata dal 70% delle persone, ci sono 12 milioni in più di visitatori e le domeniche dei musei gratuiti contano stabilmente 500 mila presenze, tante quante vanno negli stadi. E la maggior parte sono famiglie italiane”.

Si passa poi al territorio, dove Franceschini è candidato per il Pd con lo slogan ‘Per la mia terra’. “Ho cominciato –evidenzia- a fare politica al liceo, il mio territorio ha influenzato tanto il mio modo di fare. Ultimamente sono stato a Roma, è vero, ma come diceva Bassani la lontananza aiuta a vedere di più le cose”.

Quando si gli si chiede delle azioni significative che ha fatto il ministro ne indica due: “Senza dubbio il Meis, che diventerà un luogo internazionale; l’altra non mi compete, ma vado orgoglioso della creazione del parco unico del Delta del Po”. E se la provincia ha “carenza di infrastrutture”, una delle prime cose che farà in caso di elezione sarà “completare l’E55, una strada che da Orte arriva al nord Europa, che libera la Romea e valorizza il territorio”.

Qualche sferzata agli avversari, di questi tempi, deve per forza esserci: “In questa campagna elettorale si usa di tutto, i fatti di Macerata sono stati ancora peggio. I populisti prendono le paure reali e gettano benzina sul fuoco, questa non è politica, ma robaccia”. E sul centrodestra afferma: “Una volta era moderato, adesso Salvini e Meloni hanno molti più consensi. Di Maio, poi… i 5 Stelle sono presuntuosi e gli darei in mano il Paese per vedere”.

Non manca nemmeno la solita frase su LeU, che da qualche settimana a questa parte sta diventando un ritornello. “Tutti i voti – spiega Franceschini – che andranno a LeU aumentano le possibilità di M5S e Lega: è aritmetica, non potranno mai vincere. Sia che vinciamo che non vinciamo alla fine dovremmo comunque ricomporre, perché siamo nello stesso campo”.

C’è anche il tempo per una battuta. “Molto bella anche la mia esperienza da scrittore, perché i lettori sono meglio degli elettori”.

Altri contenuti

Evento online Gli oggetti di una vita

Evento online Gli oggetti di una vita

Si conclude mercoledì 29 maggio alle 14.30 il ciclo di formazioni online gratuite REMEMBRANCE EXPERIENCE FOR ALL, realizzate nell’ambito del progetto europeo REMEMBR-HOUSE. Il centro di REMEMBR-HOUSE è la casa, nella sua dimensione di spazio fisico ed emotivo che richiama i concetti di famiglia, rifugio, sicurezza, condivisione. Il punto di partenza sono le carte del Fondo EGELI in cui sono conservate dettagliate liste dei […]
24 maggio, formazione online

24 maggio, formazione online

Proseguono le formazioni online gratuite realizzate nell’ambito del progetto europeo  REMEMBR-HOUSE, realizzato insieme alla Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura. Vi aspettiamo su Zoom venerdì 24 maggio alle 16.30 con l’incontro Le conseguenze economiche e sociali della persecuzione nazifascista. Interverranno: Ilaria Pavan (Scuola Alti Studi Lucca) – Una storia dimenticata? Il fascismo e la confisca dei beni ebraici  Barbara Costa (Archivio Storico Intesa […]
22 e 25 maggio, ‘900 al femminile

22 e 25 maggio, ‘900 al femminile

In occasione della mostra “Ebrei nel Novecento italiano”, il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara (via Piangipane, 81) propone due attività dedicate al Novecento al femminile da non perdere, realizzate in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara e con il 𝗖𝗼𝗺𝗶𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗥𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗘𝗺𝗶𝗹𝗶𝗮-𝗥𝗼𝗺𝗮𝗴𝗻𝗮 di 𝗞𝗼𝗺𝗲𝗻 𝗜𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮, associazione in prima linea […]
15 maggio, la Resistenza dei fratelli Sereni

15 maggio, la Resistenza dei fratelli Sereni

Le celebrazioni per la Festa della Liberazione proseguono il 15 maggio alle 17.30 al Bookshop del MEIS (via Piangipane 81, Ferrara) con l’incontro “Emilio ed Enzo Sereni, due fratelli resistenti, due vite straordinarie.  Le scelte, i percorsi e i documenti”.Organizzata in collaborazione con l’Istituto Alcide Cervi di Gattatico (Reggio Emilia) e l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara, la conferenza metterà in luce le affascinanti […]
12 maggio, evento al MEIS

12 maggio, evento al MEIS

La cucina ebraica italiana custodisce ricette che da secoli si tramandano di famiglia in famiglia. Una tradizione che si differenzia in ogni città e vede il dialogo armonioso tra i precetti delle feste e i cibi simbolici, le norme alimentari e prodotti tipici del territorio. Di questo e di molto altro parleremo domenica 12 maggio alle […]