«Cultura rivoluzionata. Mestiere che rimpiangerò»

Conferma, Dario Franceschini, che quello di ministro della Cultura in Italia «è il mestiere più bello del mondo, lo ha detto anche Obama», e confessa di fronte al centinaio di persone una sull’altra nell’angusto spazio della Caffetteria del Castello, che «lo rimpiangerò». E più avanti, dopo essersi dato «6+, anzi 6% via» come ministro, con qualcuno dalla platea che suggerisce un bell’8, e aver sottolineato quant’è più bello fare lo scrittore in Francia perché «lì non mi giudicano come politico», giunge ad una conclusione, quasi mormorata: «Bisogna avere il coraggio di smettere finché è ora». Assomiglia ad un bilancio definitivo, un voltar pagina, il racconto di questi quattro anni al ministero della Cultura del candidato Pd alla Camera Ferrara, che Giovanni Minoli ha impostato con il suo tipico ritmo incalzante da confessione televisiva, marchio di fabbrica di Mixer. Franceschini si mostra come uno non ancorato alla poltrona ministeriale, pronto a fare anche altro. Ad esempio il deputato territoriale a tempo pieno, «metto l’esperienza accumulata in questi anni a disposizione della mia terra. Il Meis e il Delta interregionale, che ha una potenzialità pazzesca, sono le cose più importanti che ho fatto per Ferrara»; intervenire sulle infrastrutture, come Statale 16 e E55, è il compito che ora si attribuisce.

Il ministro sembra pronto a recuperare un ruolo più politico, dopo anni a «mascherarsi da tecnico, ma perché» lo stuzzica Minoli: «L’Ulivo è nel simbolo del Pd e adesso anche della lista Insieme. La lista Grasso poteva essere nostra alleata, come fanno Salvini e Berlusconi, hanno scelto diversamente ma dopo le elezioni, comunque andranno, bisognerà ricomporre. Intanto, però, abbiamo una situazione molto chiara nei collegi come il nostro, cioè una corsa a tre: c’è una ragazza candidata per Leu, non ha la possibilità di vincere per cui ogni voto a lei avvicina la possibilità di vittoria di Salvini o M5s. Chiedo di votare sulla base della capacità dimostrata di governare un paese, il centrodestra è dominato dalle ali estreme e i pentastellati sono presuntuosi ma abbiamo visto a Roma e Torino…».

Minoli fa capire che al ministro avrebbe dato di più della sufficienza ampia, «lei ha obbiettivamente dei numeri notevoli dalla sua parte, quale il più importante?. «Forse i 500mila ingressi della domenica gratuita dei musei, tanti quanti vanno negli stadi: e la maggioranza sono famiglie, per me avvicinare i non esperti alla cultura è importante, anche se gli attacchi più forti li ho ricevuti dalla sinistra snob» è la risposta di Franceschini. Le polemiche e gli ostacoli giudiziari sulla rivoluzione dei musei che ha portato i direttori stranieri? Qui Franceschini un po’ s’infervora, «una riforma deve suscitare reazioni, altrimenti è finta. Ma questa rivolta contro gli stranieri è una cosa totalmente idiota, ma come si fa? Gli italiani dirigono musei in tutto il mondo e nessuno lo usa come argomento. Le Soprintendenze hanno avuto grandi meriti nella tutela ma non possiedono le professionalità per gestire oggi un museo. Sbagliato giudicare la cultura con le regole di mercato, ma sono in contrasto». Porterebbe in Borsa una Pompei senza più crolli, allora? Franceschini scuote la testa, «no, nessun museo fa utili al mondo ». La rivoluzione qui si ferma.

Stefano Ciervo

Altri contenuti

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

Martedì 6 dicembre alle 18.30 siete tutti invitati al MEIS per scoprire la nuova mostra temporanea all’ingresso del museo “Hanukkah. Una festa raccontata attraverso l’arte”, curata da Amedeo Spagnoletto ed Ermanno Tedeschi. L’esposizione è dedicata a Hanukkah, la festa ebraica dei lumi che ricorda la vittoria dei Maccabei sui seleucidi e su chi aveva abbandonato […]
DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]