«Castello, e Meis reggono: crescono i visitatori»

I DATI sull’andamento del turismo spettano all’assessore Massimo Maisto (foto): «Aumenta chi va a visitare i musei, diminuiscono lievemente i pernottamenti. I mesi estivi, non ancora quantificato quello di agosto, ha fatto riscontrare un calo tra il 4 e il 5% tra gli italiani, mentre gli stranieri sono 20 anni che crescono, anche se rimangono un terzo del turismo totale e perciò non compensa il calo degli italiani». Quanto alle visite ai musei, «sono stati 18mila i visitatori a luglio dei musei civici della città, in aumento rispetto all’anno scorso. Così anche al Castello a luglio i numeri sono aumentati ». Dall’inizio dell’anno a luglio sono stati 128mila i visitatori del Castello (di cui 30mila hanno visitato anche la collezione Cavallini Sgarbi), 193.205 visitatori in tutti i musei civici in questi primi sette mesi dell’anno. Il Meis, tra le mete turistiche in città più apprezzate (vista la chiusura di Palazzo Schifanoia) dall’apertura della mostra (14 dicembre 2017) ha registrato oltre 25mila visitatori, il 25% circa dei quali è costituito da stranieri percentuale che in estate è cresciuta. Dall’inizio dell’estate, le presenze sono state oltre tremila. Per il direttore del Meis, Simonetta Della Seta «i mesi estivi hanno confermato che il Meis richiama a Ferrara e soddisfa un pubblico internazionale. I visitatori ci lasciano commenti molto incoraggianti, mostrando di apprezzare fondamentalmente due aspetti del museo: l’interesse dell’offerta culturale e il comfort degli ambienti climatizzati, che consentono una migliore fruizione dei contenuti e invogliano a fermarsi nelle nostre sale per diverse ore». E, a proposito della mostra ‘Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni’, l’annuncio del direttore è che «buona parte dell’allestimento resterà aperto al pubblico ancora per un anno».

Altri contenuti

Storie di donne dai ghetti di Roma e Venezia

Storie di donne dai ghetti di Roma e Venezia

Giovedì 16 dicembre alle 18.00 al bookshop del MEIS si terrà l’evento “Sara e Pacifica. Donne (stra) ordinarie dai ghetti di Venezia e di Roma”. Al centro dell’incontro la storia parallela di due donne ebree che nel ‘600, pur confinate tra le mura del ghetto, riuscirono ad emanciparsi e lasciare il segno.  Sara Copio Sullam è animatrice a Venezia di […]
24 novembre – Presentazione del Progetto Talmud

24 novembre – Presentazione del Progetto Talmud

Mercoledì 24 novembre alle 17.00 al Bookshop del MEIS si terrà l’evento “Umanesimo e tecnologia in favore del dialogo interculturale” promosso dal Progetto di Traduzione del Talmud Babilonese e con il patrocinio del Comune di Ferrara.  Durante l’incontro sarà presentato l’ultimo avanzamento che il Progetto di Traduzione italiana del Talmud Babilonese sta compiendo sia in campo tecnologico che linguistico, la Yeshivah digitale: […]
Al via la mostra “Oltre il Ghetto. Dentro&Fuori”

Al via la mostra “Oltre il Ghetto. Dentro&Fuori”

Si apre venerdì 29 ottobre 2021 al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara il terzo importante capitolo che il MEIS ha concepito per dare vita al suo percorso: l’esposizione Oltre il ghetto. Dentro&Fuori. La mostra – curata da Andreina Contessa, Simonetta Della Seta, Carlotta Ferrara degli Uberti e Sharon Reichel e allestita […]
UNITI CONTRO L’ANTISEMITISMO

UNITI CONTRO L’ANTISEMITISMO

Il 5 ottobre 2021 la Commissione europea ha presentato un documento strategico per combattere l’antisemitismo nei prossimi 9 anni. Ad aprirlo, una citazione del rabbino Jonathan Sacks, recentemente scomparso: “L’odio che inizia con gli ebrei non finisce mai con gli ebrei. Commettiamo un grande errore se pensiamo che l’antisemitismo sia una minaccia solo per gli […]
È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]