APRE IL MUSEO NAZIONALE DELL’EBRAISMO ITALIANO E DELLA SHOAH

«A cosa serve un museo nazionale dell’ebraismo italiano? A parlare soprattutto di oggi». Lo presentano così a Ferrara il Meis appena inaugurato, il luogo deputato a raccontare la storia degli ebrei italiani, una comunità che da ventidue secoli è parte integrante del tessuto del nostro paese.

L’itinerario espositivo che introduce al museo è Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni: a narrare quel millennio – attraverso circa duecento oggetti, dall’arte ai manoscritti, agli amuleti fino ai documentari, provenienti da diversi paesi del mondo – sono i curatori Anna Foa, Giancarlo Lacerenza e Daniele Jalla, con l’allestimento dello studio Gtrf di Brescia.

Lo spettacolo multimediale Con gli occhi degli ebrei italiani sarà una installazione permanente al Meis, lì dove fino a non molto tempo fa c’erano le carceri, a via Piangipane (un complesso costruito nel 1912 e dismesso nel 1992), nella zona sud-ovest della città e adesso, con il progetto di Scape di Ludovica Di Falco è sorto un museo che è anche un memoriale, sulla falsariga di molti luoghi simili internazionali.

Il Meis per rovesciare il suo passato di «reclusione» e chiusura all’esterno, è accessibile liberamente nella sua hall, nel bookshop e nei settori della ristorazione, così come nelle parti dedicate alle mostre temporanee e al parco. È un luogo da vivere per tutta la città, che traccia una linea immaginaria che conduce fino al giardino dei Finzi-Contini.

Pur essendo gli Ebrei una minoranza (in Italia sembra non abbiano mai superato le 50mila unità), il loro ruolo è stato di primo piano già a partire dall’epoca romana e successivamente nel Rinascimento, per continuare in epoca moderna, nello sviluppo economico di nord e centro Italia, e nel processo di unificazione nazionale e risorgimentale, fino al loro apporto vivace alla produzione letteraria e scientifica del XX e XXI secolo.

Lo spettacolo multimediale è un’animata introduzione storica: il visitatore viene accompagnato da Gerusalemme a Roma, può «vedere» la distruzione del Tempio ad opera dei Romani, comprendere quanta cultura ebraica ci fosse sotto Giulio Cesare, come
i pagani confondessero gli Ebrei con i primi cristiani, e come il cristianesimo, una volta assurto a religione ufficiale, abbia inizialmente tollerato la comunità, per poi emarginarla. Fino alla dispersione degli Ebrei in tutta la penisola, dove però questi ultimi riuscirono a mantenere vive le loro tradizioni, in dialogo con la società nella quale si trovavano a vivere. Basti pensare al Meridione italiano e al «fluidissimo » medioevo siciliano.

Altri contenuti

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata Carla Di Veroli, sempre in prima linea su memoria e antifascismo

È mancata improvvisamente Carla Di Veroli, delegata alla Memoria di Roma Capitale nella giunta Marino, nipote di Settimia Spizzichino, unica donna tornata dalla razzia del 16 ottobre. Il direttore Amedeo Spagnoletto la ricorda: Ciao Carla. Ci hai trasmesso la passione con cui si combatte la lotta per la libertà, quella battaglia giusta e perenne per […]
Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Estate 2021: I libri da mettere in valigia

Quali libri leggere durante le vacanze estive? Tania Bertozzi, responsabile della biblioteca del MEIS (Cooperativa Le Pagine), ha pensato a qualche suggerimento che saprà soddisfare i lettori di ogni genere: da un giallo perfetto sotto l’ombrellone ad una storia d’amore che ci farà sognare, piangere e palpitare.  Raccontateci le vostre letture estive sui nostri social […]
Nuove modalità di accesso al museo

Nuove modalità di accesso al museo

In ottemperanza alle disposizioni del D.L. 23/07/2021, n. 105, previste per tutti i luoghi di cultura italiani, dal 6 agosto 2021 per poter accedere al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah sarà obbligatorio esibire il Green Pass unitamente ad un documento di identità valido. Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti sulla base di idonea […]
Tornano le visite guidate

Tornano le visite guidate

Scopri la mostra “Mazal Tov!” Riprendono le visite guidate a partenza fissa al MEIS. Protagonista, la nuova mostra “Mazal Tov! Il matrimonio ebraico” curata da Sharon Reichel e Amedeo Spagnoletto e allestita dall’Architetto Giulia Gallerani. Le visite sono previste ogni sabato e domenica alle 11.30 al costo di 5 euro oltre al prezzo del biglietto. La […]
The Mortara case

The Mortara case

MARTEDÌ 22 GIUGNO – ore 19:00