Meis, Franceschini: impegno per recuperare 25 mln per completamento Museo

Sviluppare una collaborazione volta a divulgare e valorizzare in particolare la presenza degli ebrei nell’antica Roma ed il rilievo di alcune aree archeologiche per la storia dell’ebraismo italiano, e al contempo creare progetti specifici e percorsi di visita che possono favorire un approccio integrato trasversale al patrimonio. È quanto prevede uno dei punti del protocollo tra il Parco archeologico del Colosseo e il Museo dell’ebraismo italiano e della Shoah di Ferrara (Meis) illustrato presso la Curia Iulia al Foro Romano. Presenti, oltre alla direttrice del Parco archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo, il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, il direttore del Meis, Simonetta Della Seta, il presidente della Fondazione, Dario Disegni.

Franceschini “Ho accompagnato nel mio percorso parlamentare la nascita dell’idea del Meis. Nascita grazie a una legge del 2003 votata all’unanimità”, ha ricordato il titolare del Collegio Romano. “Nel corso dello scorso mandato era saltato per una rimodulazione dei fondi Cipe il finanziamento di 25 mln di euro che consente di completare il Museo: un’idea così importante non si può lasciare a metà, quindi l’impegno – sono già a buon punto – è di recuperare quei 25 mln e consentire il completamento del museo in tempi brevi. Questa con il Colosseo mi sembra una bella collaborazione, spero di poter dare presto l’annuncio delle risorse per il completamento del museo”.

Russo “Il protocollo d’intesa tra il Meis e il Parco Archeologico del Colosseo si pone l’obiettivo che le due istituzioni museali, in un dialogo costante con i cittadini, diventino sempre più luoghi aperti e inclusivi”, ha detto il direttore del Parco Archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo, che ha sottolineato come il protocollo “si inserisca nel più vasto progetto già avviato denominato ‘Il Parco fuori dal Parco’, il cui obiettivo è la creazione di una rete forte e operativa con istituti della cultura e musei romani e nazionali che abbiano con il Colosseo forti legami, storici, culturali e archeologici”.

In questo caso specifico, ha evidenziato Russo, “il Parco Archeologico del Colosseo intende valorizzare le testimonianze archeologiche legate all’ebraismo italiano rappresentato a Roma dalla Comunità ebraica, con la quale sono già in atto delle iniziative attraverso la collaborazione continua anche con il Meis”. Cuore dell’esposizione del Meis, “è infatti la visione ebraica di alcuni tra i monumenti più simbolici del nostro Parco Archeologico: lo stesso Colosseo, che fu costruito con il bottino di guerra della presa di Gerusalemme, come racconta anche l’iscrizione che abbiamo al Colosseo e che ora è anche un calco esposto al Meis; l’Arco di Tito, con le sue testimonianze dell’arrivo a Roma degli ebrei schiavizzati dall’imperatore; il tesoro del Tempio di Gerusalemme, costruito dai Flavi”.

Russo ha ricordato come “il Meis, fortemente voluto dal ministro Franceschini, è stato pienamente realizzato nel 2017. Nello stesso anno è stato anche istituito il Parco Archeologico del Colosseo, grazie alla Riforma Franceschini”. Il protocollo, ha concluso Russo, deve essere “un laboratorio di idee e riflessioni, raccontare cosa vuol dire essere una minoranza, stimolare il dibattito sull’ebraismo, sul suo futuro in Italia e sul valore del dialogo e del confronto tra culture diverse”.

Della Seta “Da questa settimana si inizia a edificare il primo edificio moderno del Meis, un progetto che coniuga due edifici pregressi con 5 edifici nuovi ispirati ai 5 libri della Torah”, ha annunciato Della Seta. “Confidiamo nell’appoggio del Mibact e nel fatto che tutto il museo sarà completato”.

Altri contenuti

22 e 25 maggio, ‘900 al femminile

22 e 25 maggio, ‘900 al femminile

In occasione della mostra “Ebrei nel Novecento italiano”, il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara (via Piangipane, 81) propone due attività dedicate al Novecento al femminile da non perdere, realizzate in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara e con il 𝗖𝗼𝗺𝗶𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗥𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗘𝗺𝗶𝗹𝗶𝗮-𝗥𝗼𝗺𝗮𝗴𝗻𝗮 di 𝗞𝗼𝗺𝗲𝗻 𝗜𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮, associazione in prima linea […]
15 maggio, la Resistenza dei fratelli Sereni

15 maggio, la Resistenza dei fratelli Sereni

Le celebrazioni per la Festa della Liberazione proseguono il 15 maggio alle 17.30 al Bookshop del MEIS (via Piangipane 81, Ferrara) con l’incontro “Emilio ed Enzo Sereni, due fratelli resistenti, due vite straordinarie.  Le scelte, i percorsi e i documenti”.Organizzata in collaborazione con l’Istituto Alcide Cervi di Gattatico (Reggio Emilia) e l’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara, la conferenza metterà in luce le affascinanti […]
12 maggio, evento al MEIS

12 maggio, evento al MEIS

La cucina ebraica italiana custodisce ricette che da secoli si tramandano di famiglia in famiglia. Una tradizione che si differenzia in ogni città e vede il dialogo armonioso tra i precetti delle feste e i cibi simbolici, le norme alimentari e prodotti tipici del territorio. Di questo e di molto altro parleremo domenica 12 maggio alle […]
9 maggio, evento online di #ITALIAEBRAICA

9 maggio, evento online di #ITALIAEBRAICA

Torna per il quarto anno #ITALIAEBRAICA, il progetto online che riunisce i musei ebraici italiani e che ha visto la partecipazione di migliaia di persone. L’edizione di quest’anno è dedicata ai libri: condivideremo con voi racconti e aneddoti sulle collezioni, i luoghi e la fattura stessa dei volumi, ma approfondiremo anche i temi che emergeranno sfogliando […]
Raccontaci il tuo ‘900

Raccontaci il tuo ‘900

In occasione della nuova mostra “Ebrei nel Novecento italiano”, il MEIS lancia la call to action “Ti racconto il mio ‘900”, un progetto digitale che rende tutti gli ebrei italiani protagonisti dell’esposizione dedicata al XX secolo. Vi invitiamo a inviare una foto e un testo (massimo 5000 battute) che racconti un’esperienza personale vissuta nel Novecento e che descriva le tante sfaccettature dell’identità […]