La mostra – Il ’38 e l’umanità negata

L’esclusione sociale, il senso di isolamento, il trauma di sentirsi diversi.”1938: l’umanità negata”, la nuova mostra allestita al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara, racconta tutto questo e lo fa attraverso una esperienza immersiva, un percorso che con immagini d’epoca, video e documenti, fa rivivere il dramma della persecuzione.
L’iniziativa è promossa dalla Presidenza della Repubblica con il contributo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca-Miur e il sostegno di Intesa Sanpaolo.
Curata da Paco Lanciano e Giovanni Grasso, fortemente voluta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la mostra è stata esposta in occasione degli 80 anni della promulgazione delle leggi razziste al Quirinale con un grandissimo numero di visitatori.
“Non potevamo lasciare che rimanesse chiusa negli scatoloni, proprio per questo è stato deciso di donarla al Meis” ha spiegato Grasso durante l’inaugurazione.
“1938: l’umanità negata è il primo tassello del percorso permanente del MEIS dedicato alla Shoah – ha detto il direttore del Meis Simonetta Della Seta – e verrà integrato da nuovi approfondimenti storici e documentali”.
“La mostra che il Presidente Mattarella ha voluto trasferire al Meis – ha aggiunto il presidente del Museo Dario Disegni – ci onora e ci carica di un grande senso di responsabilità. Dobbiamo continuare a trasmettere la Memoria, soprattutto alle nuove generazioni, per questo il Meis non si limita ad essere solo un museo ma un luogo di riflessione”.
Ad accompagnare il percorso multimediale, un progetto didattico sviluppato con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca aperto a tutte le scuole, primo fra tutti il Liceo “A. Roiti” di Ferrara. “Porteremo a Ferrara, per visitare il Meis, studenti e scuole da tutta Italia” ha dichiarato Giovanna Boda, direttore generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione presso il Miur. Visiterà prossimamente il museo anche il ministro del Miur Lucia Azzolina, che in una lettera scritta al Meis per l’occasione ha ribadito: “La storia è nutrimento della Memoria”.

Altri contenuti

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

Martedì 6 dicembre alle 18.30 siete tutti invitati al MEIS per scoprire la nuova mostra temporanea all’ingresso del museo “Hanukkah. Una festa raccontata attraverso l’arte”, curata da Amedeo Spagnoletto ed Ermanno Tedeschi. L’esposizione è dedicata a Hanukkah, la festa ebraica dei lumi che ricorda la vittoria dei Maccabei sui seleucidi e su chi aveva abbandonato […]
DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]