Meis, apertura straordinaria. Concerto per Veneziani

Stefano Lolli

RUOTA attorno alla figura carismatica di Vittore Veneziani, il programma del Giorno della Memoria, che culmina domani alle 21, al Ridotto del Comunale, in un omaggio al maestro e compositore, che nel 1921 venne chiamato da Toscanini a dirigere il coro della Scala. Figlio di un commerciante ebreo (Felice), attivo in via Vignatagliata in pieno ghetto, Veneziani dovette abbandonare la Scala nel 1938, a seguito della promulgazione delle leggi razziali. Rientrato in Italia alla fine della guerra, riprese il suo posto alla Scala per quasi dieci anni, prima di tornare a Ferrara dove, tre anni prima della morte, contribuì alla costituzione dell’Accademia corale che oggi porta il suo nome. E sarà proprio l’ensemble diretto da Maria Elena Mazzella, coadiuvato dall’Officina Musicae Vittore Veneziani, a eseguire composizioni, forse mai eseguite, del compositore. «Un programma vario e interessante – spiega Maria Elena Mazzella, direttrice della Veneziani –: due composizioni, su testi del Petrarca, provengono dalla Raccolta per coro a voci sole. Seguirà una suite di sette brani per coro, su testi del poeta istriano Tusinic. Il pubblico potrà apprezzare la qualità e la ricchezza della produzione di Veneziani». Il concerto sarà concluso dall’esecuzione di cori d’opera di Giuseppe Verdi. La serata, promossa dal Teatro Comunale e dall’Istituto di Storia Contemporanea con il patrocinio del Teatro alla Scala, del Meis e del Comando provinciale della Guardia di Finanza, si aprirà con la presentazione della vita e dell’opera del maestro, attraverso una sorta di ‘intervista impossibile’, scritta da Piero Stefani e interpretata da Magda Iazzetta e Fabio Mangolini. La giornata di domani, però, si impernia sull’attività del Museo nazionale dellEbraismo italiano e della Shoah, che per l’occasione effettuerà un’apertura straordinaria (dalle 10 alle 18) con visite guidate del percorso espositivo permanente e della mostra di Dani Karavan: partenza fissa alle 11 e alle 15 (per gli adulti, biglietto d’ingresso più visita guidata a 5 euro). In programma anche due presentazioni di libri, a ingresso gratuito. Alle 10, nel bookshop del museo di via Piangipane 81, Simon Levis Sullam parlerà del sio ‘1938. Storia, racconto, memoria’, che raccoglie 13 racconti ispirati da documenti ed eventi reali, legati alla persecuzione dei diritti perpetrata dal regime fascista. Alle 16, sempre al Meis, dialogo intorno a ‘Etty Hillesum. Osare Dio’. Nell’antologia, edita da Cittadella, dei testi della scrittrice olandese, deportata e uccisa ad Auschwitz a soli 29 anni, parleranno il monaco camaldolese Alessandro Barban e Carlo Dall’Acqua.

Altri contenuti

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

INVITO INAUGURAZIONE – 6 dicembre, ore 18.30

Martedì 6 dicembre alle 18.30 siete tutti invitati al MEIS per scoprire la nuova mostra temporanea all’ingresso del museo “Hanukkah. Una festa raccontata attraverso l’arte”, curata da Amedeo Spagnoletto ed Ermanno Tedeschi. L’esposizione è dedicata a Hanukkah, la festa ebraica dei lumi che ricorda la vittoria dei Maccabei sui seleucidi e su chi aveva abbandonato […]
DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

DUE FONDAZIONI PER LA FORMAZIONE DEI CITTADINI EUROPEI

La Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo di Torino e la Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara, si sono aggiudicate un grant della Comunità Europea all’interno di CERV – Citizens, Equality, Rights and Value, programma che sostiene progetti volti a sensibilizzare i cittadini europei alla […]
Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Ricordando Vittore Veneziani e Fidelio Finzi

Giovedì 17 novembre alle 16.30 al Bookshop del MEIS si terrà l’incontro “Note sulle note” dedicato a due grandi musicisti ebrei ferraresi: Vittore Veneziani e Fidelio Finzi. Il nome di Vittore Veneziani (1878-1958) è noto a Ferrara, la sua opera è invece meno conosciuta. Il Maestro non fu solo un grande direttore del coro della Scala di Milano, fu pure un musicista […]
Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Contrade, salute e cultura – Ferrara e l’ebraismo

Nove incontri per scoprire la ricchezza storica e culturale del rapporto tra l’ebraismo e la città di Ferrara: l’Avis provinciale e comunale di Ferrara, il MEIS e l’Ente Palio di Ferrara presentano il progetto “Contrade, salute e cultura 2022”, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Storia Contemporanea e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Dal 7 […]
Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Ciclo di incontri – L’esilio nella storia d’Italia

Nella storia italiana contemporanea, l’esilio ha rappresentato una costante, segnando i destini di uomini e donne e dell’intera società nazionale. Le tensioni politiche e sociali, dai moti risorgimentali sino alla dittatura fascista, hanno creato le condizioni per una crescente necessità da parte di intellettuali, personalità politiche e, talora, semplici militanti, di abbandonare la madrepatria, continuando all’estero […]